QR code per la pagina originale

iPhone: sicuramente lo smartphone più usabile

,

Jakob Nielsen è uno dei maggiori esperti mondiali nel campo dell’usabilità dei siti Web, ovvero lo studio del grado di efficacia, efficienza e soddisfazione che i siti Web generano negli utenti.

Recentemente Jakob ha pubblicato i risultati di una sua ricerca sull’usabilità del Web tramite dispositivi mobili, risultati che, come si può immaginare, sono piuttosto deludenti.

Sì perché dal punto di vista dell’usabilità, fatte poche eccezioni (tra cui, naturalmente l’iPhone) navigare oggi nel Web con un dispositivo mobile, significa fare un salto indietro nel tempo fino al 1998: l’usabilità è mediamente la stessa che si aveva 11 anni fa nella navigazione desktop.

I limiti maggiori sono determinati dai tempi di caricamento delle pagine (troppo elevati, soprattutto se non si dispone di una connessione 3G) e dallo scrolling (gli utenti sono costretti scorrere in maniera eccessiva le pagine a causa della ridotta dimensione degli schermi; un altro grave problema è determinato dal fatto che i siti Web sono, nella maggior parte dei casi, progettati come siti desktop e rendono difficoltosa l’interazione da dispositivi mobili.

Naturalmente l’usabilità varia in funzione del dispositivo utilizzato, passando da un livello pessimo, nel caso di normali telefoni cellulari (dotati di schermi troppo piccoli), ad un livello basso nel caso della maggioranza degli smartphone (poco aiutano le tastiere QUERTY e gli schermi di poco più grandi).

Esiste un terzo livello, che potremmo chiamare di usabilità appena accettabile, attribuito ad iPhone e ai suoi cloni (cellulari con schermo di grandi dimensioni, dotati di una vera e propria GUI di tipo touchscreen): anche grazie alla presenza di connettività 3G e WiFi l’esperienza d’uso è migliore, ma solamente se si naviga in un sito appositamente progettato per dispositivi mobili.

Insomma, la situazione non è per nulla incoraggiante ma quel che emerge è il fatto che iPhone rappresenta il meglio che si possa avere in quanto a navigazione mobile, e lo stesso Nielsen suggerisce ai concorrenti di Apple di non limitarsi a copiare le caratteristiche hardware del suo smartphone (in particolare, un grande schermo touchscreen) ma di dotare i propri dispositivi anche del giusto software e di una GUI più usabile.

Notizie su: