QR code per la pagina originale

Viacom cambia strategia

,

Sarà forse una mossa dovuta alla crisi o più semplicemente alla voglia di “valorizzare” al massimo i propri contenuti (con l’obiettivo di massimizzare i ricavi ottenuti dalla loro distribuzione), fatto sta che Viacom pare aver cambiato strategia per quanto riguarda la distribuzione via Web dei video di sua produzione e di cui detiene i diritti.

Come ben spiegato da Webnews, il “colosso” Americano dell’intrattenimento ha difatti deciso di apportare delle modifiche alle API di MTV, cioè a quelle “applicazioni” che regolano l’implementazione dei contenuti video del gruppo, con l’obiettivo di togliere la possibilità di “embeddare” (cioè di incorporare) i filmati di sua proprietà su altri siti esterni a quello ufficiale di MTV.com, cioè il canale video cui appartengono i contenuti più richiesti dagli utenti.

Una scelta che quindi “obbligherà” gli utenti a collegarsi direttamente al sito ufficiale per poter vedere il video desiderato, senza la possibilità, come invece accadeva fino ad oggi, di poter visualizzare gli stessi video su alcuni siti di “terzi”, ovvero quei siti basati sugli “embed” di MTV e che adesso si dovranno accontentare, al massimo, di fornire una piccola anteprima delle varie clip.

Del resto, gli stessi dirigenti di Viacom non fanno mistero delle motivazioni, squisitamente economiche, di questa scelta:

ogni video che mandiamo in streaming ci costa per i contratti e gli accordi che abbiamo con le case editrici, sia che ci sia associata o meno una pubblicità. Dunque siamo assolutamente disposti ad aprire i nostri video a quei partner che vogliono aiutarci a trarne un profitto.

Ottimizzazione dei profitti quindi, come dicevamo anche prima. Un “obbligo” che si fa più necessario in questo periodo di crisi generale e che costringe anche i grandi gruppi a decisioni forse un tantino “impopolari” e non del tutto in linea con la “filosofia” stessa dei propri prodotti editoriali. Ma del resto, e numeri alla mano, è possibile dar loro torto?

Notizie su: