QR code per la pagina originale

La PS3 necessita di un taglio del prezzo?

Secondo gli analisti di mercato la PlayStation 3 necessita di un drastico taglio sul prezzo di vendita, pena la fuga dei publisher dalla piattaforma e un costante calo nelle vendite. Sony sembra invece intenzionata a puntare su nuovi giochi e contenuti

,

La PlayStation 3 di Sony rimane da oramai troppo tempo la console più costosa sul mercato e la presenza di un lettore Blu Ray non sembra essere un bonus oramai sufficiente a giustificarne la spesa. L’ipotesi di un taglio drastico al prezzo di listino della consola aleggia nell’aria oramai da diversi mesi, trovando il sostegno dei diversi analisti di mercato, tra cui Mike Hickey di Janco Partners: Sony sarebbe infatti oramai costretta giocoforza ad abbassare il prezzo della sua console, pena una fuga dei diversi publisher dalla piattaforma e ad un costante calo nelle vendite della macchina. Di tutt’altra opinione Sony, che intende puntare sulla pubblicazione di nuovi giochi, servizi e contenuti piuttosto che sulla politica dei prezzi.

«Noi pensiamo che la compagnia debba ridurre il prezzo attuale di 100 dollari americani per ripristinare in fretta le vendite», ha dichiarato Hickey a gameindustry.biz, «crediamo che il mercato si aspetti un taglio del prezzo di PS3 verso aprile o al massimo a giugno. […] Se Sony non taglia il prezzo della sua console, prevediamo vendite svogliate e una accelerazione nella migrazione dei publisher verso altre piattaforme». In poche parole, secondo Hickey, la riduzione del prezzo sarebbe, anzi dovrebbe necessariamente essere dietro l’angolo, con la possibilità di vedere lanciata presto sul mercato una Playstation3 sprovvista di lettore Blu Ray, fattore il grado di abbattere fortemente il prezzo finale della macchina.

A sorpresa è GameDaily BIZ a rompere il silenzio e a contattare direttamente la divisione Sony Computer Entertainment, ricevendo come risposta un categorico: «no price drop on PS3», almeno in tempi brevi. Nessun motivo di allarme per la casa giapponese, che si prepara a festeggiare il traguardo dei 10 milioni di esemplari venduti e dei 20 milioni di account su PlayStation Network, semmai la coscienza della necessità di un parco giochi più ampio, esclusivo e appetibile, oltre a sempre nuovi e stimolanti contenuti e servizi distribuiti attraverso PlayStation Network. Il taglio al prezzo della console, insomma, può ancora aspettare.