QR code per la pagina originale

Ecco il disegno di legge firmato da Gabriella Carlucci

,

Ne avevamo parlato nei giorni scorsi, ne abbiamo analizzata una prima bozza, abbiamo ricevuto la replica della diretta interessata. Ora possiamo pubblicare il testo integrale del disegno di legge, da breve pubblicato dalla Carlucci sul proprio sito web in formato .doc:

PROPOSTA DI LEGGE PER “INTERNET TERRITORIO DELLA LIBERTA’, DEI DIRITTI E DEI DOVERI”

Articolo 1

La presente legge si applica a tutte le attività di accesso alla rete internet effettuate a partire da – e per il tramite di – apparati informatici e infrastrutture fisicamente presenti nel territorio della Repubblica Italiana.

Articolo 2

1. È fatto divieto di effettuare o agevolare l’immissione nella rete di contenuti in qualsiasi forma (testuale, sonora, audiovisiva e informatica, ivi comprese le banche dati) in maniera anonima.
2. I soggetti che, anche in concorso con altri operatori non presenti sul territorio italiano, ovvero non identificati o indentificabili, rendano possibili i comportamenti di cui al comma 1 sono da ritenersi responsabili – in solido con coloro che hanno effettuato le pubblicazioni anonime – di ogni e qualsiasi reato, danno o violazione amministrativa cagionati ai danni di terzi o dello Stato.
3. Per quanto riguarda i reati di diffamazione si applicano, senza alcuna eccezione, tutte le norme relative alla Stampa. Qualora insormontabili problemi tecnici rendano impossibile l’applicazione di determinate misure, in particolare relativamente al diritto di replica, il Comitato per la tutela della legalità nella rete Internet (di cui al successivo articolo 3 della presente legge) potrà essere incaricato dalla Magistratura competente di valutare caso per caso quali misure possano essere attuate per dare comunque attuazione a quanto previsto dalle norme vigenti.
4. In relazione alle violazioni concernenti norme a tutela del Diritto d’Autore, dei Diritti Connessi e dei Sistemi ad Accesso Condizionato si applicano, senza alcuna eccezione le norme previste dalla Legge 633/41 e successive modificazioni.

Articolo 3

1. Ferme restando le attribuzioni della Magistratura penale, civile e amministrativa, nonchè le funzioni degli organismi indipendenti di controllo già operativi, che in nessun modo vengono modificate, Governo è delegato a istituire, presso l?Autorità per le Garanzie delle Comunicazioni, entro nove mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge il “Comitato per la tutela della legalità nella rete Internet”.
Il Comitato è composto 9 Membri così designati:
3 Membri indicati dalla Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni (secondo procedure e modalità da definirsi a cura della stessa Autorità).
2 Magistrati ordinari, designati dal CSM
1 Magistrato amministrativo designato dal Consiglio di Presidenza della Giustizia Amministrativa.
1 esperto di settore indicato dalla Siae (Società Italiana degli Autori e degli Editori).
2 esperti di settore indicati dalla Confindustria.
A tale organismo potranno essere inviate segnalazioni in forma riservata o pubblica. E ad esso potranno essere sottoposti – per una valutazione tecnica e per la creazione di un repertorio casistico – gli atti giudiziari, ivi compresi gli esposti, le denunzie e le querele, relativi a tematiche di competenza.
Il Comitato potrà inoltre essere fatto oggetto di interrogazioni e interpellanze preventive in relazione a dubbi interpretativi riguardanti leggi e regolamenti.

2. Il Comitato resta in carica 3 anni.
Il Presidente sarà indicato dal Presidente della Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni.

3. Il Comitato dovrà predisporre una relazione introduttiva della propria attività inquadrando i temi fondamentali e indicando i punti prioritari della propria missione. Tale relazione dovrà essere approvata dal Consiglio della Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni.
Ogni sei mesi verrà emesso un rapporto sull?avanzamento delle attività e un aggiornamento sui casi di maggiore interesse sottoposti al Comitato.

4. Il Comitato ha titolo per emettere quattro diverse tipologie di atti:
a. Raccomandazioni;
b. Note interpretative in merito alle norme relative alla rete Internet;
c. Pareri non vincolanti in merito alla messa in opera di misure preventive o cautelari;
d. Relazioni alla Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni.

Se richiesto dalle parti interessate, solo su materie di natura civilistica, e a spese delle stesse, il Comitato potrà svolgere attività arbitrale e di mediazione ai fini della messa in opera di accordi intercategoriali o di codici di condotta condivisi.

5. Il regolamento interno del Comitato, predisposto a cura degli uffici tecnici Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni sulla base delle indicazioni pervenute dai membri del Comitato, dovrà essere approvato dalla Consiglio della stessa.

Articolo 4

La legge entra in vigore 90 giorni dopo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.
Entro tale termine gli operatori di cui all’articolo 1 adeguano le modalità di accesso alla rete internet da esse garantito a quanto prescritto dalla presente legge.
L’effettiva costituzione e messa in attività del Comitato dei cui all’art. 3 e seguenti non influisce sulla applicabilità delle norme cui agli Articoli 1, 2 e 4.

Nella relazione introduttiva (.doc), inoltre, l’on. Gabriella Carlucci ha spiegato che «Il porre la giusta enfasi sugli effetti positivi che Internet sicuramente ha creato e continua a creare non deve indurci a sottovalutare, a sottacere, o peggio a nascondere, i molti aspetti negativi che sono ugualmente sorti, le molte violazioni di diritti fondamentali della persona e delle imprese, i molti crimini che vengono posti in essere, senza un responsabile che possa essere identificato con certezza». Per questo motivo l’on. Carlucci promuove il proprio disegno di legge al fine di cancellare del tutto l’anonimato, punendo tanto chi lo cerca quanto chi lo favorisce non mettendo in atto tutto quanto necessario al fine di garantire la tracciabilità della persona.

Update:
Gabriella Carlucci e Davide Rossi hanno spiegato come sono andati realmente i fatti

Notizie su:
Commenta e partecipa alle discussioni
  • 06/03/2009 alle 13:30 #144850
    Giacomo Dotta
    Giacomo Dotta
    Amministratore
    06/03/2009 alle 16:28 #191487

    Io penso si debban dire le cose come stanno senza troppe diplomazie inutili: questo disegno di legge è un ridicolo obbrobrio. Capisco che essere websfottuta a morte per l’esilarante vicenda della fisica delle particelle in cui il nostro parlamentare Carlucci, in spregio ad ogni buon senso, s’avventurò è una cosa che può lasciare il segno, ma da qui al somatizzarla in una proposta di legge ringhiosa, goffa e liberticida come quella surriportata insomma ce ne vuole.

    06/03/2009 alle 17:27 #191488

    Anonymous
    Participant

    Evidentemente l’ On. Carlucci non ha alcuna competenza in materia informatica e non conosce le dinamiche di Internet.
    Probabilmente la usa 1 volta al giorno solo per scaricare la posta e leggere le ricette di cucina.

    Questo provvedimento nella sua ingenuità non si rende conto di avere ENORMI ripercussioni sull’intero approccio alla rete da parte del nostro Paese, già nei fanalini di coda in quanto ad informatizzazione e uso consapevole del mezzo Internet.

    Ah, propongo anche di cancellare il diritto all’anonimato telefonico e ogni altra forma di comunicazione, già che ci siamo…

    06/03/2009 alle 22:59 #191489

    Io
    Membro

    Preghiera:mio dio la giustizia non è riuscita a farcela con ‘sti delinquenti. Fai qualcosa tu, togliceli da torno!
    noi italiani abbiamo perso la voglia di ribellarci perchè “tutto sommato” stiamo bene. da mediaset e raiset ci viene detto “vamos bien” con chiappe sventolanti!.
    I tg parlano solo dei morti per le strade e dei gatti intrappolati sugli alberi e anche del grande fratello. La dittatura morbida ci sta stringendo non come una tenaglia, ma come un cuscino che soffoca. Svegliamoci! Tanto credo che chi li ha votati non si renda conto neanche ora di quello che stanno facendo ali babà e i suoi 40 colleghi….

    07/03/2009 alle 00:05 #191490

    Mex silvio
    Membro

    SE vivessi in uno stato dove prima si tappano i buchi ,poi si apre l’acqua, la proposta di essere .-identificabile- quasi, quasi, mi piace.
    ?………..POI pensandoci…………..
    1)proposta di legge per innalzare l’eta pensionabile alle donne? Non ci sono asili nido od altri ,ed i figli a chi li devono lasciare!!! e per una visita pediatrica!!!!chi parla di attuare ,deve prima decidere di dare….. i servizi(almeno quelli essenziali.
    Quattro morti sul lavoro ogni giorno!!!!prima legge del governo (togliere l’obbligo dell’assunzione ,il giorno prima, di iniziare a lavorare!!!!!!!!!!!!)
    2)vogliamo vedere cosa hanno fatto in precedenza i vari governanti!!!
    pensione ; nel 1974 funzionava alla grande, in attivo (soldi dei lavoratori dipendenti) di oltre 24.000 miglirdi, ripeto soldi dei LAVORATORI DIPENDENTI , versati per avere diritto al loro assegno di pensione, poi il governo con il consenso dei sindacati e degli industriali dicono una bellissima parola (PATTO SOCIALE) che doveva garantire i pensionati vita natural durante…….li avete sperperati tutti!!!! vi siete aumentati gli stipendi a dismisura, avete svenduto gli immobili dell’ INPS ai furbetti del quartierino.
    Ora ci raccontate non ci sono più soldi.
    3)volete mettere mano alla rete, perchè qualcuno commette reati, ?…..la polizia postale lo può identificare con il proprio ID, perchè imbavagliare ,contro gli stupri o le violenze che legge pensate di fare, ?……impedire alle belle donne di uscire di sera????????
    4)una legge così enunciata mette in pericolo, per il futuro i cittadini di questo paese,a cui possono essere rubate le identità ,(fishing)dalla rete dei paesi di tutto il mondo.

  • Ci sono altri 44 commenti. Leggili nelle Discussioni di Webnews.