QR code per la pagina originale

Al via il servizio telefonico Google Voice

Google si prepara a lanciare all'interno degli Stati Uniti Google Voice, versione aggiornata del servizio telefonico GrandCentral acquistato nel 2007. Obiettivo principale di Google Voice è nella semplificazione delle comunicazioni tramite telefono

,

A quasi due anni di distanza dall’acquisizione di GrandCentral, innovativo servizio nato con l’intento di offrire servizi centralizzati di telefonia, Google si appresta a lanciare Google Voice, strumento che mantiene intatte le caratteristiche salienti di GrandCentral, integrandole con nuove interessanti funzioni. Obiettivo principale di Google Voice, semplificare le comunicazioni tramite telefono.

Il processo di semplificazione nasce con GrandCentral, servizio in grado di mettere a disposizione dei suoi utenti un unico numero telefonico tramite il quale essere contattati a casa, al lavoro, in vacanza o tramite cellulare; lo strumento permette inoltre lo screening delle chiamate e la possibilità di ascoltare le voicemail attraverso Internet. Google Voice riprende i concetti essenziali del suo predecessore estendendoli con nuove interessanti funzionalità, quali la trascrizione di tutte le voicemail ricevute, la possibilità di inviare e ricevere SMS e di effettuare chiamate internazionali a prezzi particolarmente vantaggiosi. Non manca la possibilità di effettuare conferenze tramite telefono con più interlocutori e di scegliere quale apparecchio abilitare alle chiamate e quando. Diventa così possibile effettuare una vera e propria pianificazione, forzando ad esempio la registrazione delle voicemail nelle ore notturne e abilitando il cellulare solamente nelle ore dedicate al pranzo e alla cena, mentre le telefonate vengono dirottate al lavoro nelle restanti ore della giornata e sul telefono di casa nei week-end.

La migrazione verso il nuovo servizio da parte degli utenti GrandCentral avverrà automaticamente nel corso dei prossimi giorni, mentre lo strumento verrà messo a disposizione dei residenti all’interno degli Stati Uniti entro un paio di settimane. La tempistica dell’annuncio non sembra inoltre essere casuale: la presentazione di Google Voice giunge infatti a poche ore dalla chiusura del caso Klausner, con la stretta di mano onerosa tra le parti per quanto concernente il brevetto sulla voicemail.

Google Voice rappresenta un servizio gratuito, in grado di garantire telefonate nazionali senza alcun costo e internazionali con una tariffazione particolarmente contenuta; si tratterebbe quindi di uno strumento in grado di rendere Google un giocatore ancora più importante all’interno del mercato delle comunicazioni, in grado d’ora in poi di impensierire non solamente i servizi di comunicazione via Web quale Skype, ma anche i più tradizionali provider di telefonia fissa e mobile. Con tutto quel che può discenderne per l’ecosistema Android.

Notizie su: