QR code per la pagina originale

Per il Parkinson c’è una speranza: Sergey Brin

Sergey Brin, cofondatore di Google, ha rivelato di avere una mutazione genetica direttamente ricollegata al Parkinson. Per questo motivo investirà pesantemente nella ricerca e, tramite 23andMe, costruirà una community di persone affette dalla malattia

,

Ritrovarsi con un gene imperfetto. Avere una montagna di danaro, ma doversi chinare ad un infimo errore nel proprio patrimonio genetico. Un’imperfezione ereditata, qualcosa contro cui si è impotenti. Non deve essere facile per Sergey Brin, cofondatore di Google, accettare una situazione simile. Dalla sua, però, ha due armi: il denaro e la moglie Anne Wojcicki. E Sergey Brin sta pensando di usarli a fondo entrambi.

Sebbene la ricerca scientifica ancora non restituisca risultati certi, è conclamato il fatto che il Parkinson sia collegato alla mutazione G2019S del gene LRRK2. Una caduta della dopamina prodotta dalla riduzione dei neuroni dopaminergici sta causando in 1.5 milioni di americani i problemi noti della malattia, con 50.000 nuove diagnosi ogni anno. Tra gli utenti in pericolo v’è anche Sergey Brin, il quale ha ereditato la mutazione G2019S dalla madre (già affetta da Parkinson). Nei mesi passati la notizia aveva assunto pubblica notorietà grazie alla confessione di Brin il quale, con un manifesto intriso di “filosofia Google”, aveva spiegato il proprio problema rendendo forte pubblicità a 23andMe, l’azienda guidata dalla moglie.

23andMe è oggi il canale che Brin intende usare per spingere oltre la ricerca sul Parkinson, tentando così di investire il proprio danaro e la propria posizione privilegiata per combattere il nemico che più di ogni altro si insinua nel suo futuro percorso su questa terra. Grazie alla collaborazione con 23andMe, quindi, Sergey Brin sta tentando di mettere in piedi una community di 10000 persone affette dal Parkinson, chiedendo ad esse di partecipare ad un programma di analisi per tentare di capire qualcosa di più sul problema.

Analisi di rischio 23andMe

23andMe - Disease risk

«Ho il 50% di possibilità di contrarre il Parkinson nei prossimi 20/25 anni» ha affermato Brin, il quale ha però anche confidato fiducia nel 50% di possibilità per cui la medicina possa fare qualcosa di importante in questo lasso di tempo. Per mettere in piedi una corposa community di persone affette da Parkinson, 23andMe sta offrendo sconti particolari: 25 dollari, invece dei 399 soliti, per poter analizzare il proprio DNA ed ottenere risposte statistiche sul proprio patrimonio genetico. Così facendo il gruppo potrebbe raccogliere dati fondamentali per la ricerca genetica, mettendo quindi a frutto il forte bacino di dati che sta raccogliendo.

La misson aziendale 23andMe è quella di vendere dati aggregati all’industria della ricerca farmaceutica, così che si possa far fruttare l’analisi del DNA offerta agli utenti paganti e si ottengano risultati che andranno a confluire nella produzione farmacologica. Per Sergey Brin la combinazione dei fattori è fondamentale: da parte sua infonderà nel progetto una non meglio precisata somma di danaro; la moglie metterà a frutto la propria esperienza con 23andMe; l’industria farmaceutica avrà a disposizione nuovi dati per la produzione di un nuovo possibile business. Per tutte le famiglie colpite dal problema del Parkinson, Sergey Brin diventa una nuova fonte di speranza. Speranza e business, quando si incontrano, generano spesso buoni risultati.

Notizie su: