QR code per la pagina originale

Windows 7 viaggia spedito verso la RC

Il team di sviluppo del nuovo sistema operativo ha da poco annunciato una nuova serie di correzioni e funzionalità per Windows 7. Le implementazioni migliorano usabilità e stabilità del sistema e la sua compatibilità con i dispositivi di terze parti

,

A distanza di due settimane dall’ultimo aggiornamento, Microsoft ha da poco annunciato una nuova corposa serie di correzioni per Windows 7, il suo nuovo sistema operativo ormai in viaggio verso la sua prima Release Candidate. La fase di test dell’OS procede rapidamente e, grazie ai feedback raccolti tramite l’edizione Beta distribuita lo scorso gennaio, gli sviluppatori del nuovo Windows stanno apportando numerose modifiche e correzioni alla loro creazione, che potrebbe debuttare entro la fine dell’anno in corso.

Le funzionalità del desktop, ampiamente riviste rispetto a Windows Vista, subiscono nuove importanti correzioni tese a rendere interfaccia e interazioni più semplici e rapide. Posizionando il puntatore del mouse su un’icona di un programma presente nella Barra delle applicazioni è possibile visualizzare un’anteprima di tutte le finestre aperte di quel dato applicativo. Se il numero di finestre è molto alto, l’anteprima si tramuta in un elenco per rendere più immediata la consultazione dei contenuti aperti. Tale elenco contempla ora una piccola icona per chiudere direttamente dalla Barra delle applicazioni una singola finestra, rendendo più semplice la gestione dei contenuti aperti per ogni singolo programma.

Jump List Windows 7

Novità anche per la funzione “Jump List” che consente di accedere rapidamente ai contenuti di alcune funzionalità come il Pannello di Controllo. Le nuove liste sono ora ordinate in base alle opzioni più utilizzate da parte dell’utente, un sistema più immediato per accedere alle funzioni desiderate con un solo clic. Un nuovo supporto consentirà, inoltre, una gestione più accurata delle “Jump List” attraverso Desktop Remoto. Le impostazioni della Barra delle applicazioni sono ora registrate dal sistema operativo con maggiore frequenza, scongiurando l’eventualità che una chiusura inaspettata di Windows possa portare alla perdita delle informazioni inserite.

Notizie su: