QR code per la pagina originale

iPhone 3.0, MMS e copia/incolla

Un evento in pompa magna porta agli sviluppatori il nuovo iPhone OS 3.0. Tra le novità annunciate il copia/incolla, l'invio di MMS, la migliore integrazione del GPS. L'evento manca del colpo a sorpresa, ma per l'iPhone si aprono nuovi orizzonti

,

Ci si può ancora eccitare per un copia/incolla? Forse sì, evidentemente sì. C’è crisi, il fumo non è più sufficiente per riempire gli occhi, ma è pur vero che si esce da un periodo di ebrezza consumistica ed ora tutto è possibile. Aggiungere il copia/incolla su di un telefono è cosa da poco? Dipende da come la si interpreta. Perchè su di un telefono è sì cosa infima, mentre su di un pc è cosa fondamentale. E se il telefono in questione è l’iPhone, l’ibrido più scintillante degli ultimi anni, allora la questione può essere sì eccitante.

Se poi si inserisce il tutto in una major release, nel contesto di un vero e proprio evento di presentazione, in una giornata attesa con un certo fermento, allora il quadro è perfetto. Manca solo Steve Jobs, e con lui manca la sorpresa finale che tutti si attendevano: vederlo spuntare con in mano quel laptop rivoluzionario che sa fare battere i cuori e svuotare i portafogli. Così non è stato, ed oltre al nuovo software per iPhone non c’è altro. Evoluzione, non rivoluzione. Ma c’è crisi, e accontentarsi è cosa buona e giusta. Si riparte da qui.

Le ore che hanno preceduto l’evento Apple sono state strane. Chi sente ogni giorno il polso al mondo ICT ha notato con tutta evidenza come vi fosse un certo silenzio, un clima troppo tranquillo. Sporadicamente annunci fantasiosi, qualche strana foto, prototipi che spuntavano dal nulla, il tutto in una staticità strana. Come d’estate, quando l’afa anticipa la tempesta. Fuor di metafora, il silenzio era dovuto all’attesa, perché gli eventi Apple spesso sanno catalizzare ogni singola risorsa mediatica.

E i rumor, e gli indizi: si è parlato di un nuovo laptop, ma non ve ne era conferma alcuna; si è vociferato di funzioni particolari, ma conferme e smentite non fanno che ricalcare la casualità delle previsioni della vigilia; si è anche ipotizzato che aver anticipato il lancio del nuovo iPod Shuffle avesse potuto essere una mossa strategica per distogliere il dispositivo dall’eclissi mediatica che l’iPhome OS 3.0 avrebbe determinato. In questo quadro ecco il laptop Lenovo Yoga, e l’Adamo di Dell (nome peraltro poco indovinato, se è vero che proprio Adamo fu il primo uomo fregato da una mela…). Un pomeriggio strano, in attesa delle 18 ora di Parigi (come da indicazioni Apple). Il nuovo iPhone sta per arrivare, e tutto si è fermato. Non è stata una tempesta, ma un po’ di cambiamento c’è stato. Occorre, quindi, scendere ora nei dettagli.

Notizie su: ,