QR code per la pagina originale

Dietrofront in Nuova Zelanda sul copyright

Il governo neozelandese ha sospeso la discussa norma 92A che imponeva agli ISP di bandire gli utenti accusati di aver effettuato ripetutamente il download illegale di contenuti protetti dal copyright. La legge sarà rivista e probabilmente semplificata

,

Nuova battuta d’arresto per il quadro normativo sulla protezione del diritto d’autore in Nuova Zelanda. Il governo del paese ha da poco sospeso il discusso comma 92A della legge, che in alcune circostanze avrebbe obbligato gli Internet Service Provider a precludere l’accesso alla Rete agli utenti accusati di aver scaricato e utilizzato illegalmente materiale coperto da copyright. Stando alle prime informazioni, il passaggio della norma non sarebbe sufficientemente chiaro ed esaustivo, dunque difficilmente applicabile da parte degli ISP.

Il Copyright Amendment Act concepito dai legislatori della Nuova Zelanda prevede una serie di norme per limitare il più possibile il download di materiale coperto da copyright come filmati, file musicali e software. La nuova legge aveva destato scalpore per la presenza nella sezione 92A di alcune disposizioni molto severe, tese a privare gli utenti accusati di aver scaricato illegalmente contenuti online dell’accesso a Internet. Una procedura attivabile anche a scopo cautelativo prima dell’effettivo accertamento delle possibili responsabilità degli utenti e che avrebbe coinvolto in prima istanza gli Internet Service Provider.

La nuove norme sarebbero dovute entrare in vigore durante lo scorso febbraio, ma il governo della Nuova Zelanda decise di posticiparne l’applicazione di un mese, consentendo così agli ISP di redigere un codice di condotta condiviso per applicare la legge in maniera equa e coordinata. Nelle ultime settimane provider e associazioni a tutela del copyright hanno così provato a creare un documento unico, senza però giungere a un risultato soddisfacente a causa delle disposizioni poco chiare della sezione 92A della nuova legge.

«Consentire alla 92A di entrare in vigore nella sua attuale forma non sarebbe appropriato dato l’attuale livello di incertezza sulle sue disposizioni» ha dichiarato Simon Power, ministro del commercio della Nuova Zelanda. Il mancato raggiungimento di un accordo tra gli ISP ha dimostrato quanto sia difficile da interpretare e tradurre nella pratica l’ormai famigerato comma 92A, come dichiara il medesimo Power: «Le discussioni hanno messo in luce alcune aspetti della 92A che richiederanno nuove riflessioni. Benché il governo intenda affrontare la questione, il quadro normativo stesso necessita di essere riesaminato e riorganizzato per rispondere alle perplessità delle parti in causa e del governo stesso».

I tempi per una legge organica e condivisa potrebbero dunque allungarsi sensibilmente, con buona pace degli internauti neozelandesi, che intanto ottengono piena solidarietà da parte di Google. Il colosso delle ricerche online ha infatti duramente criticato la possibilità che gli ISP possano precludere totalmente l’accesso alla Rete ad alcuni utenti, dichiarando la norma inappropriata, sproporzionata e sostanzialmente inefficace per risolvere il problema legato al download illegale del materiale protetto dal diritto d’autore.

Notizie su: