QR code per la pagina originale

Friendfeed si rinnova il look

FriendFeed ha avviato una nuova interfaccia disponibile in beta release. Cambia leggermente l'estetica della pagina, ma a cambiare è soprattutto la funzione che apporta il real-time nel sistema di aggiornamento della bacheca dei contenuti della community

,

FriendFeed ha rivisto il proprio look e lo sta proponendo agli utenti sotto forma di beta release. Trattasi di modifiche apparentemente di lieve entità, di basso impatto scenico, ma comunque tali da andare ad intaccare la sostanza stessa del concetto generale.

Quando di recente Facebook ha cambiato la propria interfaccia, l’utenza ha protestato sonoramente contro le modifiche apportate. Il gruppo ha sostanzialmente ignorato le istanze della protesta, concedendo poche irrisorie modifiche e mantenendo però in piedi l’intera architettura predisposta con il redesign. C’è una motivazione di fondo dietro a questa ferma posizione, ed è la stessa motivazione che poi porta un servizio come FriendFeed ad avventurarsi in una nuova interfaccia: le modifiche formali sono spesso al tempo stesso sostanziali. Il concetto stesso di design non può essere limitato alla sola idea grafica, ma si estende giocoforza all’accesso dei contenuti, alla loro disponibilità, all’organizzazione delle priorità, all’uso del servizio in mano agli utenti.

Nel caso di FriendFeed le modifiche portano avanti soprattutto l’idea dell’aggiornamento real-time all’ennesima potenza. L’interfaccia è fatta infatti per proporre aggiornamenti “push” senza richiedere interazioni all’utente, mettendo in atto una sorta di lavagna che tiene aggiornati sugli aggiornamenti proposti dalla propria cerchia di “amici”. L’iniziativa si inserisce nel quadro di una battaglia sempre più serrata all’interno dei servizi social, con FriendFeed in qualche modo oscurato dall’ingombrante Twitter e desideroso quindi di svincolarsi dalla stretta marcatura approntata dal servizio rivale.

Il video delinea a sommi capi quello che oggi FriendFeed propone come beta release del proprio servizio, messa in un apposito sottodominio (beta.friendfeed.com) a disposizione del vaglio preventivo degli utenti. L’interfaccia cambia senza scossoni, ma la diversa organizzazione dei contenuti “ammorbidisce” le linee e sembra studiata al fine ultimo di sottolineare con massimo rilievo il ruolo fondamentale dei contenuti in ricezione dalla propria community personale. Probabilmente il gruppo sarà sensibile ad eventuali annotazioni apportate (sebbene non ci siano da aspettarsi prese di posizione preconcettuali come quelle espresse dalla massa informe che vitalizza la community di Facebook), ma anche in questo caso v’è da aspettarsi una scelta semidefinitiva sulle scelte approntate. Perchè il motivo è chiaro: trattasi di scelte che esulano da mere considerazioni estetiche, e si estendono invece in valutazioni di ampio respiro che danno una direzione al servizio e ne posizionano l’immagine sul mercato.

Notizie su: