QR code per la pagina originale

Google Chrome per Mac è realtà. Quasi

,

L’avevano detto e l’hanno fatto: entro sei mesi a partire da gennaio, Google Chrome sarebbe approdato su Mac e sembra proprio che coi tempi ci siamo. Da oggi è infatti disponibile una versione alfa nativamente sviluppata per la piattaforma della mela. Le feature ci sono quasi tutte, ma è ancora molto instabile.

Procede speditamente il lavoro sul browser figlio di Mountain View tuttavia, nonostante la bontà dei risultati conseguiti, l’ultima alfa 0.1 revisione 13759 è destinata ai soli sviluppatori, e non ai comuni utenti.

Il software ha abilitate gran parte delle funzionalità presenti nella controparte per Windows, è ora compatibile con Gmail e presenta anche l’autocompletamento nella barra degli indirizzi, tuttavia è molto instabile e prono alla chiusura inaspettata. Per questo motivo, non è ancora consigliabile farne uso nella quotidianità.

C’è da considerare inoltre che manca ancora il supporto per Flash, non c’è compatibilità coi Plugin, e non funzionano ancora elementi chiave come la Cronologia, la Barra dei Preferiti, la ricerca nel testo e la stampa, e manca il Web Inspector. Insomma, siamo a buon punto ma di lavoro da fare ne resta ancora parecchio.

Già a settembre dell’anno scorso, il cofondatore di Google Sergey Brin aveva definito imbarazzante l’assenza di Google Chrome su piattaforma Mac. Probabilmente, entro qualche mese quest’onta verrà mondata.

Notizie su: