QR code per la pagina originale

Flash diventa una piattaforma tv

Presto sui principali televisori connessi ad internet, sui set top box e sui lettori Blu Ray la nuova versione di Flash sarà una piattaforma per vedere i video da internet ma anche per programmare liberamente widget e add che ne esplorino le potenzialità

,

Flash sarà presto pronto in una versione adatta all’approdo sul mezzo televisivo. Adobe ha infatti in mente di utilizzare la tecnologia acquistata pochi anni or sono per trasmettere video in alta definizione sul televisore, corredandola di applicazioni interattive.

Entro la fine dell’anno arriveranno i primi sistemi in grado di sfruttare tale possibilità: saranno i televisori connessi alla rete (come il Sony Bravia), i set top box e i lettori Blu Ray che vorranno conformarsi. Dalla parte dei nomi che sperimenteranno per primi la tecnologia invece già si parla di grossi partner: Intel, Comcast, Disney, Netflix, Atlantic Records ed il New York Times.

La mossa implica una conseguenza su tutte: tutti i video presenti in rete per la cui riproduzione si necessita di Flash player, arriveranno sui televisori. Si tratta, secondo ComScore, di almeno l’80% del materiale disponibile in assoluto (cosa vera soprattutto per il fatto che Flash è utilizzato da YouTube), video generati dagli utenti, ma anche contenuti professionali provenienti dalla tv (Hulu) che passando per internet ritorneranno nuovamente in televisione.

Adobe inoltre ha previsto la possibilità per tutti di creare widget: la piattaforma sarà cioè flessibile e le API saranno rilasciate liberamente in modo che gli utenti stessi possano programmare piccole o grandi add-on che migliorino il servizio e la sua usabilità. Dunque non si tratta di rendere compatibile un device con la tecnologia Flash ma di creare una vera e propria piattaforma e darla in mano a produttori e utenti in modo che siano essi stessi a comprendere la maniera migliore per utilizzarla. La tecnologia Adobe infatti è flessibile a sufficienza per prestarsi a diversi usi ed interpretazioni.

Qualcosa di simile l’avevano già tentata Yahoo e Intel, intenzionati a portare il concetto di widget nel mondo della televisione. L’idea però non aveva funzionato a dovere, nonostante anche in quel primo caso la tecnologia Flash fosse l’ombelico del progetto, soprattutto per la mancanza di partner importanti. Adobe ora vuole sorpassare quanto fatto in passato e contemporaneamente distanziare il rivale Silverlight di Microsoft sbarcando e conquistando per prima il lido televisivo.

A tal proposito Adobe si è anche alleata con Brightcove, la piattaforma per il video online utilizzata da centinaia di media company in 27 paesi diversi. Le due società intendono collaborare per mettere a punto soluzioni per broadcaster che siano innovative e competitive al tempo stesso.

Notizie su: