STARTUP BUS NEWS
QR code per la pagina originale

VeriSign sotto accusa: domini troppo costosi

La Coalition for ICANN Transparency ha ottenuto il via libera per istituire una causa contro VeriSign, accusata di applicare tariffe esose per la registrazione dei domini .com e .net. La società è accusata di aver instaurato un sostanziale monopolio

,

Le tariffe imposte da VeriSign per la gestione dei domini .net e .com sono troppo alte e lesive delle leggi antitrust. Non sembrano avere dubbi in proposito i membri della Coalition for ICANN Transparency (CFIT), che hanno da poco ricevuto il via libera per istituire una nuova causa legale contro la società incaricata di garantire in esclusiva i registri DNS per i domini del tipo .com e .net. Secondo i promotori dell’azione legale, negli ultimi anni VeriSign avrebbe approfittato della propria posizione di sostanziale monopolio sul mercato per aumentare i prezzi dei suoi servizi.

Rilievi analoghi erano già stati presentati alcuni anni fa, ma la possibilità di istituire una vera e propria causa legale era stata eclusa dai magistrati prima dell’istituzione di un processo. Valutati alcuni precedenti e l’attuale stato delle leggi antitrust statunitensi, ora una Corte di Appello di San Francisco ha accolto [pdf] la richiesta della CFIT, che potrà dunque portare in tribunale una causa contro VeriSign per la violazione di alcune norme sulla libera concorrenza. Un risultato molto importante, che potrebbe riaprire la partita su uno dei punti nevralgici per la gestione dei domini di primo livello della Rete.

Secondo i soggetti raccolti nella CFIT, tra VeriSign e ICANN esisterebbe una sorta di mutuo accordo per mantenere un’esclusiva tesa a imporre prezzi più alti del dovuto per la registrazione dei domini. Un patto di lunga data, risalente a circa tre anni fa, quando VeriSign sottoscrisse un contratto con l’ICANN senza aver partecipato prima a un’asta vera e propria per ottenere l’esclusiva dei domini .com e .net. L’accordo, della durata di sei anni, consente alla società di aumentare i prezzi per i domini di 7 punti percentuali all’anno per massimo quattro anni. Il patto di ferro con ICANN prevede, infine, la possibilità di un rinnovo automatico del contratto con VeriSign allo scadere del suo periodo di durata.

Commenta e partecipa alle discussioni