QR code per la pagina originale

Accordo tra Microsoft e Yahoo: l’annuncio nelle prossime ore

,

Aggiornamento: l’accordo è stato ufficialmente confermato in un comunicato congiunto di Microsoft e Yahoo.

Sembra veramente arrivata alla fine la lunga vicenda che ha visto protagonisti il colosso Microsoft da un parte e un marchio glorioso, ma un po’ appannato negli ultimi tempi, come Yahoo dall’altra, entrambi impegnati in un “tira e molla” durato mesi riguardo ad una possibile fusione.

Ed è così che giungono direttamente dalla stampa americana alcune conferme circa l’imminenza della chiusura delle trattative, ponendo le basi per un accordo che tuttavia sembra assai diverso da quello prospettato mesi or sono.

Stando alle indiscrezioni infatti non si tratterebbe di una vera e propria fusione quanto di una “partnership” molto stretta, in particolare le due società unirebbero gli sforzi per quanto riguarda il settore delle ricerche online, tanto che Yahoo Search confluirà direttamente in Bing, che di fatto sostituirà lo “storico” motore di ricerca di Yahoo ponendosi come l’alternativa principale a Google.

Una mossa che significherebbe un balzo in avanti per Microsoft e Yahoo e consentirebbe di ottenere una quota del 30% del mercato delle ricerche, con conseguenti ricadute positive anche per quanto riguarda la raccolta pubblicitaria derivante dai seguitissimi portali di Yahoo, su cui Microsoft porterebbe il suo Bing.

L’accordo tuttavia potrebbe avere anche altre implicazioni minori ma comunque significative visti i tanti settori in cui i due gruppi sono impegnati, anche se ciò che farà maggiormente “clamore” è proprio il nuovo scenario che si verrà creare nell’ambito dei motori di ricerca, con Google che sarà chiamato a reagire, nonostante il suo “quasi monopolio” non sia, almeno per il momento, messo in pericolo.

Tornando all’accordo va infine ricordato che uno dei dubbi ancora rimasti è quello relativo a quale piattaforma di gestione degli annunci promozionali verrà utilizzata tra il sistema “Panama” di Yahoo e il Microsoft AdCenter.

Indiscrezioni vogliono che la scelta ricada sulla piattaforma Microsoft, meglio sfruttabile rispetto a quella di Yahoo, ma su questo si discuterà dopo la conferma ufficiale.

Notizie su: