QR code per la pagina originale

I fondatori di Skype chiedono i danni a eBay e soci

,

Si fa alta la tensione tra Joltid, che fa capo ai due fondatori di Skype Niklas Zennstrom e Janus Friis, ed eBay con annessi soci entrati da poco nel capitale della società.

La vicenda sembrerebbe così giungere nelle aule dei tribunali, con una denuncia presentata negli Stati Uniti dai due soci fondatori per violazioni del copyright riguardo la licenza d’uso di parti del codice alla base del funzionamento di Skype, codice i cui diritti sarebbero rimasti di proprietà esclusiva di Joltid e che eBay avrebbe violato facendone un uso improprio e al di fuori degli accordi di licenza.

La denuncia odierna, per cui vengono chiesti ad eBay e ai nuovi azionisti di Skype un risarcimento di 75 milioni di dollari giornalieri (legati ad ogni giorno in cui gli utenti scaricano una copia di Skype, cosa che arrecherebbe un danno a Joltid), segue l’altra questione legale di qualche mese fa, questa discussa però nel Regno Unito, in cui sempre i due soci fondatori chiedevano la dismissione di parti del codice di Skype per cui secondo loro eBay non aveva acquisito il diritto di utilizzo ai tempi del passaggio di proprietà del software VoIP.

Le due azioni legali potrebbero nascondere, a detta di molti, una specie di “ripicca” da parte dei due fondatori di Skype per essere rimasti fuori dalla recente vendita di quote azionarie della società. Infatti non è un mistero che Zennstrom e Friis abbiano desiderato e provato in tutti i modi ad entrare nell’affare, cosa che, visto il fatto che essi sono rimasti tagliati fuori, potrebbe aver inciso in maniera consistente su questa decisione.

Quel che appare logico è che una sentenza non verrà presa a breve, ma quel che è certo è che stavolta eBay rischia molto. Se infatti la corte dovesse dare ragione all’accusa la società americana sarebbe costretta non solo a pagare un risarcimento pecuniario di un certo livello, ma sarebbe obbligata di fatto a fermare il progetto Skype, almeno fino a quando le parti di codice non saranno sostituite con nuovo codice proprio.

Notizie su: