QR code per la pagina originale

Federal Trade Commission: i blogger siano “trasparenti”

,

Nuove e più stringenti regole in arrivo per i blogger americani, la Federal Trade Commission (FTC), ovvero l’ente che si occupa della difesa del consumatore, ha deciso di dare una “revisione” al regolamento sulla pubblicità, datato 1980 e quindi diventato obsoleto con l’arrivo dei nuovi media negli ultimi anni.

Le nuove norme prevedono quindi delle novità che riguardano in particolare i blogger, i quali saranno costretti, dal 1 dicembre, a seguire un certo codice deontologico che stabilisce la massima chiarezza e trasparenza nei rapporti tra chi si occupa di gestire un blog e le aziende con cui si hanno dei contatti commerciali.

Il provvedimento, in altre parole, costringerà i blogger che sono soliti presentare delle recensioni di vari prodotti tra i propri post, a specificare che rapporto, di natura economica e non, intercorre tra costoro e le aziende cui appartengono i prodotti recensiti.

Non è una novità infatti che molti blogger ricevano dalle aziende degli omaggi o dei premi particolari (a volte il regalo è un esemplare del prodotto recensito, o magari il rimborso spese per gli spostamenti fatti per presenziare ad una presentazione) come “ricompensa” per un giudizio positivo rilasciato nelle proprie recensioni.

Un piccolo “scambio” economicamente quasi irrilevante, ma che, secondo la Federal Trade Commission, costituisce una vera e propria scorrettezza nei confronti dei consumatori, i quali potrebbero prendere per obiettivo e disinteressato un giudizio che in realtà potrebbe essere “ammorbidito” da rapporti più o meno stretti tra chi è chiamato a giudicare e chi produce l’oggetto giudicato.

Da un punto di vista etico, il provvedimento non fa una piega, questo va ammesso. Il confine tra pubblicità e giudizio critico e libero dovrebbe essere infatti ben marcato e l’intervento delle autorità sembra andare in questo senso, anche in considerazione del peso che i blog hanno ormai nell’impatto dell’opinione pubblica. Tuttavia quello che molti si chiedono è se queste norme così stringenti potrebbero portare alla fine di sistema consolidato.

Le conseguenze infatti non sarebbero di poco conto, dato che la multa, in caso di trasgressione alla regola, sarà “salata”: si parla di 11.000 dollari per ogni infrazione, quanto basta per scoraggiare, così dicono molti, la continuazione di questi regali ormai divenuti la regola per alcuni blogger.

Notizie su: