QR code per la pagina originale

Il monitor 27″ del nuovo iMac fa da display esterno

,

Diciamo la verità, il nuovo iMac 27″ non è semplicemente un computer: è un monumento “all-in-one”. È corredato da un pannello LCD di grandezza e qualità tali che a Cupertino hanno voluto valorizzarlo in un modo inedito per la linea iMac. Se necessario, l’iMac 27″ può essere usato come monitor aggiuntivo.

Il merito di questa piccola rivoluzione è tutto della mini Display Port installata sull’ammiraglia della gamma. Attraverso di essa, dunque, è possibile collegare ad esempio un MacBook (o, quanto a questo, anche un Mac mini e qualunque dispositivo dotato di questa connessione) e lavorare attraverso l’ottimo monitor dell’iMac.

Per ora, sul mercato i cavi “mini Display Port-Mini Display Port” non sono molto diffusi (su Apple Store è presente solo questo), sostanzialmente perché non ce n’era motivo, ma è certo che entro pochissimo tempo la concorrenza farà il suo lavoro e i prezzi caleranno di conseguenza.

Snocciolando un po’ i dati, sorprende non poco la risoluzione dell’iMac 27″: 2560×1440 contro i 1920×1200 del LED Cinema Display da 24″, che però costa ? 849,00 e non possiede neppure un input mini Display Port. Ciò vuol dire molto più spazio a disposizione per le applicazioni, quasi quanto i 2560×1600 del Cinema Display HD da 30″ su connessione DVI, venduto tuttavia al prezzo non proprio popolare di ? 1.799,00.

Incredibilmente, l’iMac 27″ potrebbe risultare quindi più conveniente di altre soluzioni. Grazie al rispetto delle proporzioni 16:9 (come le HDTV), non soltanto si può collegare ad altri Mac, ma può diventare lo schermo principale di lettori Blu Ray o registratori su hard disk. Con un decoder televisivo su penna USB e software come Elgato EyeTV, poi, la TV digitale è servita.

E se non ci credete, sappiate che è stato aggiornato il kit di montaggio VESA che, per soli 29?, vi darà la possibilità di appendere al muro anche i nuovi, ipertrofici iMac. Basta solo sfoderare la carta di credito.

Notizie su: