QR code per la pagina originale

Viviane Reding, sogni di broadband

Webnews.it ha intervistato in esclusiva Viviane Reding, Commissario Europeo per la Società dei Media e dell'Innovazione, per parlare di digital divide, Servizio Universale e Banda Larga. E per parlare di Italia dal punto di vista dell'UE

,

Servizio Universale

Nei giorni scorsi la Finlandia ha annunciato a sorpresa la volontà di portare la banda larga a tutti i propri cittadini inserendola direttamente all’interno del Servizio Universale. La banda larga, insomma, diventa un diritto: 1Mbit/s entro il 2010, 100Mbit/s entro il 2015. In pochi giorni il Regno Unito ha portato avanti simile promessa: obiettivi limitati rispetto alla Finlandia, ma l’impronta è la stessa. Poche ore più tardi anche Renato Brunetta ha promesso la banda larga per tutti: non si è parlato di Servizio Universale, ma il risultato sarebbe pressoché il medesimo (nel caso italiano, però, non sono giunte spiegazioni circa le modalità con cui si dovrebbe arrivare alla copertura completa).

Webnews.it: La Finlandia prima. Poi il Regno Unito e anche l’Italia. Gli annunci relativi all’inclusione della banda larga all’interno dei regolamenti descriventi il Servizio Universale si rincorrono. È pensabile che la banda larga diventi parte integrante del Servizio Universale? Cosa dovrebbero fare i governi e con quali tempistiche?

Viviane Reding: «In Europa, la Universal Service Directive stabilisce le regole basilari sul Servizio Univesale, garantendo un livello minimo dei servizi per i cittadini così come determina un massimale per gli oneri finanziari che devono essere imposti al settore come fonte di finanziamento per i servizi universali. L’attuale Universal Service Directive 2002/22/EC si limita a prevedere una connessione alla rete con funzionalità di accesso a internet a bassa velocità. L’accesso broadband non è pertanto parte del servizio universale a livello europeo. Gli stati membri, comunque, sono liberi di comprendere il broadband per estendere gli obblighi minimi del servizio universale. In ogni caso ogni indebito onere finanziario associato a queste estensioni deve essere coperto da fondi pubblici, ad esempio tramite una tassazione generale, e non dai player del mercato.

Voi fate riferimento alla situazione in Finlandia e nel Regno Unito. Il Governo UK sta abbozzando la nuova legislazione basata sulla Digital Britain Strategy, che include le disposizioni su servizio universale e broadband (questa legislazione è prossima alla pubblicazione e adozione entro l’inverno). La Finlandia, per contro, ha già adottato nuove regole nazionali in proposito. Le nuove disposizioni per il servizio universale in Finlandia fanno uso della flessibilità concessa dalla Universal Service Directive europea indicando connessioni a 1Mbit/s come servizio universale (partendo nel Luglio 2010). Il Governo finlandese ritiene che questi obblighi non costituiranno un onere ingiusto sugli operatori delle telecomunicazioni coinvolti. Comunque, se l’autorità nazionale riterrà che fosse necessario, i costi associati verranno finanziati da budget generali.

Una volta che l’attuale riforma delle regole sulle telecomunicazioni europee verrà adottata, la nuova Universal Service Directive metterà a disposizione ulteriore flessibilità: gli stati membri potranno decidere a livello nazionale di includere il broadband (tenendo conto delle specificità dei singoli mercati nazionali). In questo contesto gli Stati Membri potranno usare nuovi metodi finanziari indicati dalla Direttiva, includendo la possibilità di istituire un fondo per il servizio universale al quale tutti gli attori del settore devono contribuire.

Ciò nonostante, ci sono altre implementazioni e problemi regolamentativi relativi al servizio universale che necessitano di un dibattito a livello europeo. Per questa ragione, la Commissione Europea organizzerà una consultazione pubblica nel 2010 che sarà seguita da una comunicazione che riassumerà il dibattito. Le proposte legislative potranno quindi far seguito se la conclusione sarà quella per cui la Direttiva necessiti di essere aggiornata».

Notizie su:
Commenta e partecipa alle discussioni
  • 27/10/2009 alle 08:00 #147041
    Giacomo Dotta
    Giacomo Dotta
    Amministratore

    Webnews.it ha intervistato in esclusiva Viviane Reding, Commissario Europeo per la Società dei Media e dell’Innovazione, per parlare di digital divide, Servizio Universale e Banda Larga. E per parlare di Italia dal punto di vista dell’UE

    Leggi la notizia: Viviane Reding, sogni di broadband

    27/10/2009 alle 16:26 #202388

    Sbalky
    Membro

    Colpaccio, ragazzi! Complimenti!
    Peccato la poca “incisività” nelle risposte…
    L’avrei preferita più pungente.

    27/10/2009 alle 16:30 #202389

    Giacomo Dotta
    Participant

    Il suo ruolo glielo impedisce. Però, a ben leggere, un po’ di giudizi velati sul DTV, sui nostri sforzi con Europeana, sul Servizio Universale e sulla proposta De Benedetti ci sono.

    Lei è un arbitro, ha il dovere di non schierarsi se non per impugnare decisioni. Però le sue parole indicano una direzione. Insomma… qualcosa c’è ;)

    27/10/2009 alle 17:07 #202390

    Sbalky
    Membro

    Magari arbitro… L’arbitro ammonisce e a volte tira fuori pure il cartellino rosso!
    I giudizi ci sono, certo, per chi ha voglia di leggerli, ma alle orecchie da mercante che girano in Italia ci vorrebbero le trombe, altro che i giudizi velati…

    27/10/2009 alle 18:50 #202391

    Pierbacco
    Membro

    Speriamo che, entro la prossima primavera, i gallici «Les fiancés» diventino italianissimi «Promessi Sposi».
    Complimenti a Giacomo per l’intervista veramente interessante.
    Pierbacco

  • Ci sono altri 4 commenti. Leggili nelle Discussioni di Webnews.