QR code per la pagina originale

Da Facebook non si esce. Nemmeno da morti

,

Avranno forse pensato a una trovata pubblicitaria per Halloween, i lettori del blog ufficiale di Facebook che pochi giorni fa hanno trovato la notizia dell’inaugurazione dei “profili dei defunti“.

Invece si tratta di una cosa molto seria, legata, pare, alla perdita di un caro amico da parte di un collaboratore del network, Max Kelly. Oltre al dolore, la domanda che è sorta è stata: “cosa fare del profilo del defunto?”. Ed ecco la soluzione: i profili di chi ci ha lasciato verranno “congelati” e saranno per sempre disponibili per gli “amici” sul sito. Soltanto dietro esplicita richiesta dei parenti, però, che dovranno dimostrare di essere tali e compilare un apposito modulo sul sito.

Come spiegano a Facebook, nell’account commemorativo verranno rimosse alcune informazioni riservate e la privacy verrà impostata in modo che solo gli amici confermati possano accedere al profilo o trovarlo nelle ricerche. La bacheca continuerà ad essere visualizzata, consentendo ad amici e familiari di pubblicare post in ricordo della persona scomparsa.

Che dire, io in questa notizia ci leggo soprattutto tanta, commovente e un po’ americana ingenuità. Mi fa paura però pensare, visto il successo che probabilmente avrà l’iniziativa, che ormai non siamo più capaci di piangere silenziosamente un amico dentro di noi e abbiamo bisogno di una bacheca “virtuale” dove commemorarlo e per ricordarci della sua esistenza.

Però forse questo è un pensiero ipocrita: già Ugo Foscolo esaltava i sepolcri come rifugio della memoria e sprone per i viventi, e nella nostra epoca, dove spesso si vive distanti dai cimiteri dove riposano le persone amate, la cui tomba è spesso nient’altro che un loculo rettangolare, tanto vale una lapida elettronica.

E mi sovviene che già in tempi non sospetti, qualcuno aveva paragonato le foto dei profili di Facebook a delle effigi mortuarie.

Notizie su: