QR code per la pagina originale

Google Maps Navigation, Android come Tom Tom

Google mette assieme Android, Google Maps, Google Earth e Google Street View per comporre un navigatore da auto in grado di sfidare e surclassare i benefici che è in grado di offrire qualsiasi Tom Tom o similare. La nuova sfida ad Apple e Nokia è servita

,

Con il solito video di presentazione ha visto la luce il nuovo servizio di navigazione per auto prodotto da Google.

Basato su Android e presentato in coincidenza con il rilascio della versione 2.0 del sistema operativo per Mobile, Google Maps Navigation (Beta) minaccia da vicino Tom Tom e similari portando nel comparto tutta la ricchezza di opzioni di cui solo un computing più avanzato può disporre, anche e soprattutto grazie a tutto quel che Google conserva nel “cloud”. Con una parola magica a rendere il tutto più appetibile: gratis.

Per dare il giusto peso all’evento Google ha prodotto video in massa mettendo a disposizione singole recensioni per ognuna delle funzionalità promesse:

  • Ricerca in inglese
    Non serve conoscere l’indirizzo: è sufficiente compiere una ricerca così come si è abituati a compierla su Google; essendo al momento una esclusiva USA, il servizio limita alla lingua inglese l’interazione con il dispositivo;
  • Ricerca vocale
    Non serve scrivere la destinazione; è sufficiente “parlare” al telefono dicendo ove si intende andare ed attendendo le indicazioni di risposta;
  • Traffic view
    Alcune indicazioni colorate suggeriscono quali strade siano meno trafficate facilitando la scelta sui percorsi più scorrevoli;
  • Ricerca lungo una strada
    È possibile cercare qualsiasi tipo di attività lungo una strada che si sta già percorrendo;
  • Satellite View
    Accesso ad informazioni 3D sulla zona secondo quelle che sono le informazioni satellitari disponibili;
  • Street View
    Usando la visione tipica di Street View è possibile facilitare le giuste scelte durante la guida poiché si ottengono informazioni molto più precise circa il percorso da compiere (servizio particolarmente utile in presenza di incroci di difficile interpretazione);
  • Car dock mode
    Utilizzo del telefono su uno speciale sostegno e adattamento dell’interfaccia all’orientamento orizzontale migliore per l’uso durante il viaggio.

Per Verizon e Motorola l’occasione è immediata: Droid, il telefonino uscito in concomitanza con Android 2.0 (escusiva USA), è infatti il primo dispositivo a poter godere delle funzioni di Google Maps Navigation. E la nuova sfida ad Apple (vicina a Tom Tom) e Nokia (controllante Navteq) è servita.

Notizie su: