QR code per la pagina originale

Presentata la nuova Google Dashboard

,

Google ci ha abituato alla presentazione quasi giornaliera di una qualsiasi delle numerose novità che riguardano i propri servizi e le proprie applicazioni.

Nonostante questo, non si riesce certe volte ad evitare di notare come, dalle parti del Googleplex, sembrino veramente un’inesauribile fucina di nuove idee con un ritmo di aggiornamento assolutamente fuori dal comune.

La novità delle ultime ore, a cui è dovuta questa premessa, si chiama Google Dashboard, uno strumento in grado di raccogliere in un’unica pagina tutti i dati relativi ai servizi Google utilizzati da ogni singolo utente.

Grazie a Google Dashboard sarà possibile quindi, per chiunque abbia un account Google e utilizzi attraverso di esso più servizi forniti dal colosso di Mountain View, gestire comodamente e tenere sott’occhio tutti gli aggiornamenti ad essi relativi.

A titolo esemplificativo, il nuovo servizio consentirà all’utente di essere aggiornato sulle email ricevute tramite Gmail, di vedere le attività legate al nostro blog personale creato su blogger, di gestire il nostro account su YouTube e molto altro.

Un modo per offrire un’interfaccia leggera e immediata per meglio gestire le proprie attività all’interno della miriade di servizi marchiati BigG e al tempo stesso di tenere sotto controllo i dati personali che ci riguardano, in un’ottica che mira ad una migliore trasparenza, come la stessa Google tiene a precisare per voce di Alma Whitten, Software Engineer on Privacy and Security del gruppo:

Siamo convinti che la Dashboard rappresenti un importante passo avanti, nella direzione di offrire agli utenti la possibilità di gestire in maniera chiara e trasparente i propri dati e ci auguriamo che questo possa aiutare a cambiare l’atteggiamento del settore in merito a questi temi. È importante che gli utenti siano consapevoli di quali loro dati siano archiviati online e che siano in condizione di poterli gestire e la Dashboard dovrebbe aiutare a far sì che questo sia realmente possibile.

Il nuovo strumento è stato prodotto dal team di programmatori di Monaco e Zurigo ed è accessibile in ben 17 lingue tra cui anche l’italiano, per adesso i servizi collegati sono parecchi anche se alcuni non sono ancora gestibili tramite Dashboard, tuttavia Google assicura di essere al lavoro per implementare i servizi attualmente mancanti e completare il panorama delle funzionalità.

Notizie su: