QR code per la pagina originale

Google Caffeine in arrivo

Dopo un test lungo alcuni mesi, Google ha deciso di cambiare l'algoritmo alla base del motore di ricerca sulla base degli ottimi feedback provenienti dal test chiuso sul nuovo algoritmo Caffeine. Le novità saranno introdotte entro l'inizio del 2010

,

Google sta per cambiare. Succederà nelle prossime settimane, ed il più dell’utenza non si accorgerà di nulla. A cambiare, infatti, non saranno né l’interfaccia, né il logo, né le modalità tradizionali previste per comporre le query: a cambiare sarà il motore interno, sarà l’algoritmo a supporto delle SERP. Google cambierà, insomma, il modo in cui valuta il web e la rilevanza delle pagine al cospetto delle query formulate dagli utenti.

Il nuovo Google prende il nome di “Caffeine”: è questo, infatti, il nome che fino ad oggi ha descritto un test chiuso con il quale Google ha messo alla prova il nuovo algoritmo su una community chiusa di utenti. Le prove hanno evidenziato le qualità del nuovo sistema, hanno messo in rilievo le necessità degli utenti ed hanno portato Google alla decisione di far diventare Caffeine l’algoritmo principale del motore di ricerca. «Presto attiveremo Caffeine più ampiamente, partendo da un data center»: l’esperimento è concluso, si va in scena.

Un data center per iniziare, quindi una ulteriore estensione al termine delle prossime vacanze natalizie. Per il mese di Gennaio Caffeine (algoritmo studiato per velocizzare e migliorare la precisione delle ricerche) dovrebbe essere la base fondamentale delle ricerche sul motore di Mountain View. Inevitabilmente il cambiamento è stato valutato a lungo, poiché trattasi di una modifica che, pur se leggera, va ad intaccare quello che è il cuore fondamenta del business del gruppo.

In una intervista a WebProNews, Matt Cutts ha spiegato che i feedback provenienti dalle prove su Caffeine sono stati «estremamente positivi» ed hanno pertanto incoraggiato il gruppo al grande passo. Nulla di ufficiale è dato a sapersi circa le differenze rispetto alla versione attuale del motore, ma alcuni test sembrano aver evidenziato maggior peso dell’autorevolezza del dominio nel ranking delle pagine ed una maggior incidenza dei sinonimi nelle ricerche. Da Google, però, nessuna conferma: il nuovo motore avrà più caffeina, ma non sembra possa essere meno segreto rispetto al precedente.

Notizie su: