QR code per la pagina originale

Mozilla presenta Thundebird 3.0 RC1

Mozilla ha messo in distribuzione l'installer di Thunderbird 3.0 RC1, la pre-release della nuova versione del proprio client per posta, feed e newsgroup. Molte le novità introdotte, ma soprattutto una interfaccia semplificata e nuove interazioni web-based

,

Facilitato, arricchito, impreziosito: sebbene ancora non sia in release ufficiale, è venuto il momento di Thunderbird 3.0, la nuova versione del client Mozilla per posta elettronica, lettura dei feed, consultazione dei newsgroup. I client sono oggi in larga parte superati dalle Webmail, le quali negli ultimi anni hanno visto una importante crescita, ma il client Mozilla offre la propria risposta a quanti cercano invece in un software l’elemento ultimo entro il quale raccogliere i flussi informativi in entrata.

La nuova versione si basa su motore Gecko 1.9.1.5 (al pari di Firefox). Spiega l’area download di HTML.it, dalla quale è peraltro scaricabile la versione RC1 del client: «In Thunderbird 3 è stato semplificato il processo di configurazione iniziale, con una serie di automatismi per il settaggio dei diversi account, mentre nuova è la funzione di archiviazione, che di fatto archivia le mail, ma non le visualizza nella inbox, rendendole accessibili attraverso la funzione di ricerca con strumenti avanzati e autocompletamento. Nuovo wizard per l’aggiunta di nuovi account, una toolbar di posta ridisegnata con le funzioni più utili, e la visualizzazione a schede».

Non solo il software è stato semplificato per raccogliere la domanda di quanti vogliono interagire con uno strumento di immediato impatto e comprensione, ma un occhio è stato strizzato anche nei confronti del mondo “social”: «In particolare, nella nuova release ora sono presenti gli add on, come ad esempio le funzioni di calendaring di Google e Yahoo, alcune funzioni legate agli account di Twitter, o ancora la possibilità di accettare o rifiutare inviti».

Ma l’arricchimento della 3.0 non finisce qui: «Tra le novità più interessanti del nuovo sistema, l’interazione con gli account Web based mantenendo in ordine le cartelle di destinazione e l’archiviazione di vecchi messaggi, l’introduzione delle schede, la compatibilità con Spotlight e Rubrica Indirizzi di Mac OS X, le cartelle intelligenti, e una migliore integrazione con GMail e in generale con gli account IMAP». La ricchezza dei contenuti e le promesse di nuove release entro 4/6 mesi sembrano pertanto allontanare lo spettro PostBox, progetto che solo pochi mesi or sono sembrava poter scalzare in qualche modo Thunderbird dal proprio ruolo in casa Mozilla.

L’installazione richiede un download da 8.39 MB ed è fin da subito garantita la piena compatibilità anche con Windows 7 (oltre a Mac OS X 10.4 e superiori e Linux).

Notizie su: