QR code per la pagina originale

Le foto private di Zuckerberg diventano pubbliche su Facebook

,

Si è trattato di un banale errore nelle impostazioni delle nuove opzioni per la privacy di Facebook o è stata una scelta voluta? Difficile dire con certezza cosa sia accaduto quando, per poco più di un’ora, le foto private di Mark Zuckerberg, uno dei fondatori del noto social network, sono finite per essere visibili a tutti gli utenti.

Secondo alcuni si sarebbe trattato di una svista durante l’impostazione delle opzioni sulla riservatezza dei dati, che lo stesso Zuckerberg avrebbe di recente modificato, esattamente come richiesto ai 350 milioni di utenti del social network più famoso del mondo in questi giorni.

È bastato un permesso in più, concesso inavvertitamente, ed ecco che diverse immagini della vita privata di uno dei fondatori del sito sono diventate di dominio pubblico. Certo, nulla di particolare a dire il vero, dato che si tratta di semplici foto che ritraggono Zuckerberg in momenti privati in compagnia della fidanzata, degli amici o nella sua casa in pieno relax con tanto di abbraccio al peluche di turno, rendendo questo “scoop” un falso scoop più che altro.

Tuttavia, la vicenda assume interesse in quanto non tutti credono alla tesi dell’errore, diversi parlano infatti di possibile mossa di marketing, cioè di una scelta voluta e fatta appositamente per dimostrare come, spesso, non vi sia nulla di pericoloso nel condividere con migliaia di sconosciuti i propri ricordi fotografici. Una tesi che trova una qualche conferma nelle dichiarazioni dello stesso fondatore di Facebook:

Per chi se lo sta chiedendo, ho fatto in modo che le mie foto fossero accessibili a tutti, cosicché possiate vederle. Altre informazioni rimangono private, ma non vedo la necessità di limitare la visibilità delle immagini e delle fotografie con i miei amici, la mia famiglia o il mio orsacchiotto.

Comunque, mettendo da parte i motivi che hanno portato a questa “apertura” di uno spazio privato al pubblico accesso, va sottolineato come ciò non tolga affatto l’attenzione dall’argomento privacy nell’ambito dei social network.

Le foto di Zuckerberg sono assolutamente non compromettenti e la loro visione in pubblico non ha alcun impatto sulla vita sociale o lavorativa dei personaggi coinvolti, ma questo non sempre può essere vero e quindi, strategia di marketing o meno, il consiglio di stare scrupolosamente attenti a cosa e con chi si condivide su questo tipo di siti rimane sempre valido.

Notizie su:
Commenta e partecipa alle discussioni