QR code per la pagina originale

Per David Cage Heavy Rain non è un videogioco

Cage prova a spiegare perchè non considera Heavy Rain un videogioco

,

David Cage ha finora mantenuto sempre alta guardia intorno alla sua linea di pensiero, definendo Heavy Rain: The Origami killer un film interattivo.

Per la maggior parte dei giocatori Heavy Rain è un videogioco, un’avventura grafica, sicuramente non come tutte le altre, poichè le immagini diffuse hanno contribuito a far impennare l’hype intorno alla nuova creazione dello studio di sviluppo francese, Quantic Dream.

“Heavy Rain è una storia raccontata visivamente su cui il giocatore può influire con le sue azioni”, spiega Cage. Entrando più nello specifico, in Heavy Rain il giocatore avrà sempre il controllo e non ci saranno cutscene.

Heavy Rain non è un videogioco, quindi, perchè “si discosta nettamente dal paradigma tradizionale” in cui l’interazione è limitata ad alcune fasi di gioco e la narrazione della storia è affidata ai filmati d’intermezzo: è un prodotto “totalmente interattivo. Il giocatore vivrà un’esperienza interattiva sempre unica, perchè potrà cambiare e stravolgere la storia, farla sua”, prosegue il game designer in forza pressogli studi francesi di Quantic Dream.

Cage tenta di infrangere i canoni videoludici dai tempi di Fahrenheit, ma allora il suo rimase il solo ed unico tentativo. Magari questa volta, con Heavy Rain scoprirà tutte le carte in regola per fissare una nuova concezione di videogioco accolta e sviluppata anche da altri game designer. 

Notizie su: