QR code per la pagina originale

Il futuro di iWork è tra le nuvole

Apple ha avviato il potenziamento del team di sviluppo di iWork per realizzare nuove soluzioni cloud per la propria suite di applicativi per la produttività. Le nuove applicazioni basate sul Web potrebbero trovare nell'atteso tablet il loro punto di forza

,

Per la suite di applicativi per la produttività iWork il futuro potrebbe essere sempre più tra le nuvole. A distanza di un anno dal lancio della prima versione beta per il web di iWork, Apple potrebbe essere al lavoro per potenziare la propria offerta e renderla maggiormente competitiva per contrastare l’avanza di Google Docs e di Microsoft Office Live. Una edizione cloud della serie di applicativi per la produttività targati Cupertino potrebbero attirare nuovi utenti verso le soluzioni realizzate dalla mela morsicata.

Gli indizi sulla nuova possibile svolta tra le nuvole di iWork sono stati forniti dalla celebre società statunitense, che nel corso degli ultimi giorni ha diffuso un annuncio di lavoro riconducibile alla suite per la produttività: «Il Productivity Team (ovvero iWork) è alla ricerca di uno sviluppatore altamente motivato per la realizzazione di una nuova applicazione Internet particolarmente ricca e scalabile. La persona farà parte del nucleo di sviluppo e sarà coinvolta in un ambito che comprende la progettazione e lo sviluppo di un nuovo sistema software». L’offerta di impiego prosegue con un elenco delle capacità e delle conoscenze di base richieste per poter svolgere il lavoro: comprensione approfondita del linguaggio JavaScript e tecnologie legate ai browser, computer grafica, esperienza nella realizzazione di soluzioni scalabili per il Web e per i word processor.

I dettagli forniti nel messaggio pubblicato da Apple sembrano confermare indirettamente un particolare fermento all’interno dell’area di sviluppo di iWork sul lato cloud. Al momento la società di Cupertino offre ai propri utenti una versione beta online della suite di applicativi, iWork.com, ma fornisce un numero estremamente limitato di funzionalità. A differenza delle soluzioni come Google Docs e Office Live, che permettono di modificare materialmente i documenti attraverso una applicazione in Rete, iWork.com permette di condividere e commentare i documenti, ma non di editarli.

Secondo numerosi osservatori, Apple avrebbe dunque avviato la creazione di un nuovo team di sviluppo appositamente dedicato alla produzione di una nuova soluzione cloud per iWork. Una volta messa a punto, la nuova offerta dovrebbe consentire agli utenti di accedere ai propri documenti tra le nuvole, di modificarli e di condividerli con i propri contatti in Rete. Una serie di funzionalità che potrebbero rivelarsi molto utili per l’utilizzo della suite legata alla produttività anche su alcuni particolari dispositivi come l’atteso tablet della mela, che secondo i rumor potrebbe compiere il proprio debutto verso la fine del prossimo gennaio.

Notizie su: