QR code per la pagina originale

BootCamp 3.1 introduce il supporto a Windows 7

,

Destò parecchio fastidio tra gli utenti il fatto che BootCamp 2.2 non supportasse ancora Windows 7. Ora, però, le promesse sono state finalmente mantenute e l’ultima versione del software creato da Cupertino garantisce la piena compatibilità tra il Mac e la più recente incarnazione del Sistema Operativo Microsoft.

BootCamp 3.1 è disponibile in versione da 32 e 64 bit, e introduce il supporto a Windows 7, nelle versioni “Home Premium”, “Professional” e “Ultimate”, permette l’uso di tastiera wireless e Magic Mouse, e risolve i problemi al trackpad e all’audio digitale.

Per meglio supportare le macchine più recenti, Apple ha rilasciato un set di driver specifici per gli iMac 2009 da 21,5″ e 27″ denominato iMac Late 2009 Windows 7 Drivers e scaricabile a questo indirizzo. Inoltre, per chi intendesse effettuare l’aggiornamento da Vista a Windows 7 di un sistema esistente, è disponibile il pacchetto Boot Camp Utility for Windows 7 Upgrade, che si occupa di smontare in maniera sicura il volume Macintosh prima dell’upgrade ed evitare così il problema “0x80070005”.

Infine, BootCamp 3.1 non supporta ufficialmente i seguenti modelli di computer Apple, benché basati su processore Intel:

  • iMac (17-inch, Early 2006);
  • iMac (17-inch, Late 2006);
  • iMac (20-inch, Early 2006);
  • iMac (20-inch, Late 2006);
  • MacBook Pro (15-inch, Early 2006);
  • MacBook Pro (17-inch, Late 2006);
  • MacBook Pro (15-inch, Late 2006);
  • MacBook Pro (17-inch, Early 2006);
  • Mac Pro (Mid 2006, Intel Xeon Dual-core 2.66GHz or 3GHz).

Notizie su: