QR code per la pagina originale

La pubblicità a 360 gradi: Google pensa alle inserzioni su Street View

,

Si cominciano a intravedere le strategie di Google tese a monetizzare gli investimenti fatti negli anni passati su Street View, il servizio di mapping online integrato in Google Maps che offre una visuale a 360 gradi e ripresa a livello della strada (quindi non solo dall’alto) delle vie delle principali città del mondo e di molti luoghi di interesse culturale.

Una fonte di ricavo su cui Google punterà è quindi la pubblicità, ovvero l’inserimento di appositi banner che potremmo definire “di nuova generazione” e che saranno visualizzati direttamente in mezzo alle immagini del suo servizio di mapping digitale.

La novità non è ancora stata ufficialmente illustrata al pubblico e agli inserzionisti, ma il fatto che il gigante del Web abbia ottenuto l’approvazione di un brevetto che riguarda una tecnologia in grado di identificare, tra le foto di Street View, l’esatta posizione di manifesti, insegne e quant’altro, dando la possibilità alle aziende le cui insegne sono ritratte dalle foto di Google di sovrapporre loghi e manifesti aggiornati per promuovere la propria attività tramite informazioni sempre nuove e recenti.

In altre parole, grazie al nuovo algoritmo studiato da Google, potenzialmente tutti gli spazi pubblicitari riprodotti nelle foto di Street View potrebbero diventare spazi in cui posizionare questi particolari banner digitali, dando la possibilità di veicolare le ultime novità commerciali degli inserzionisti direttamente sul PC dell’utente che naviga virtualmente per le strade di una città.

La pubblicità così inserita sarebbe anche interattiva, dato che Google sarebbe in grado di inserire un link sui banner che porti direttamente a chi ha affittato lo spazio promozionale virtuale. In questo modo per l’utente sarebbe praticamente possibile girare virtualmente per le vetrine dei negozi del centro, ma anche per i cinema ad esempio, per farsi un’idea di cosa andrà a trovare in caso decidesse poi di recarcisi fisicamente.

Quello che fino a qualche anno fa sarebbe sembrato fantascienza è invece una possibilità che apre, o potrebbe aprire, nuovi scenari nel mercato pubblicitario di Internet. Google si dimostra ancora una volta un passo avanti ai rivali, resta però da capire se e come i potenziali inserzionisti riusciranno a cogliere queste nuove opportunità.

Notizie su: