QR code per la pagina originale

Google Buzz: attenzione alla privacy

,

Confermato in via ufficiale ieri, Google ha lanciato Buzz, un nuovo strumento, in pieno stile social network, integrato direttamente nel popolare servizio di posta elettronica GMail.

Volontà del colosso di Mountain View è quella di offrire ai propri clienti più servizi interconnessi tra di loro, includendo da ora la possibilità di condividere contenuti di varia natura, come video, foto o messaggi, attingendo a piene mani da ciò che Twitter e Flickr hanno saputo proporre nel tempo.

Il sistema è però acerbo e non tutto è pienamente funzionante. Alcune impostazioni predefinite potrebbero, infatti, mettere a rischio la privacy dei suoi fruitori, come nel caso delle liste dei contatti altrui che, al momento dell’iscrizione, vengono pubblicate automaticamente non solo nel sistema di Buzz ma anche nel profilo Google dell’utente.

Per modificare le opzioni necessarie a nascondere tale lista sono necessari solo alcuni passi, che tuttavia è possibile effettuare solo in un momento successivo all’iscrizione.

A tal fine, è dunque necessario raggiungere la sezione “Impostazioni account Google”, selezionare la voce “Modifica Profilo” e, infine, togliere la casella di spunta alla voce “Visualizza l’elenco delle persone di cui seguo gli aggiornamenti e delle persone che seguono i miei aggiornamenti”. Dopo aver salvato le modifiche, l’elenco dei contatti sarà finalmente nascosto agli altri.

Ma non sarebbe solo questa l’opzione del nuovo Buzz a dar fastidio ai clienti, che si sono anche ritrovati la casella in GMail intasata dei messaggi del servizio, che informa in modo automatico gli utenti dei commenti inseriti sulla piattaforma.

Nonostante sarebbero necessarie solo alcune piccole modifiche da parte di BigG, appare chiara l’intenzione del colosso, nel voler diffondere il suo servizio nel modo più rapido possibile.

Notizie su: