QR code per la pagina originale

YouTube introduce il Safety Mode per la protezione dei minori

,

Sempre più gente guarda YouTube e sempre di più, tra gli utenti, vi sono giovani e giovanissimi. Nasce da questa semplice constatazione la decisione che ha portato i vertici del portale video di Google ad introdurre un nuovo strumento per regolare la visione dei contenuti caricati in modo da tutelare i minori.

La novità introdotta nelle scorse ore si chiama Safety Mode e consentirà da oggi di poter bloccare la visione dei contenuti ritenuti non adatti ad un particolare tipo di pubblico. Sarà possibile, quindi, filtrare i video contenenti immagini di violenza che potrebbero avere un impatto negativo su persone sensibili e su soggetti non del tutto consapevoli come i più piccoli, dando modo ai genitori di applicare un filtro ai contenuti che i figli potrebbero trovare sul sito.

Stando a sentire la posizione di Google, la novità, seppur molto simile ad un sistema di parental control, non si può definire un vero e proprio filtro, pertanto, rimarranno valide le linee guida tuttora esistenti che regolano il tipo di filmati accettati dal sito.

Per YouTube, quindi, non è garantita l’assoluta sicurezza della navigazione, anche se un ulteriore strumento come il Safety Mode può contribuire ad aumentare la protezione per i minori e quindi è, per questa ragione, una novità ben gradita che, oltre ad andare nella direzione di un maggior rispetto per il pubblico, metterà al riparo gli stessi gestori del portale da eventuali polemiche e vicende legali sull’opportunità o meno di pubblicare alcuni video: cose già accadute in passato e che ancora fanno discutere.

Per poter utilizzare la funzione basterà fare login con i propri dati su YouTube, a quel punto comparirà un link a fondo pagina in cui poter scegliere se attivare o meno tale opzione e se si sceglierà il sì, i contenuti video presenti sul sito e già contrassegnati come “delicati” verranno filtrati quando ci si collegherà come utenti registrati, non comparendo affatto tra i risultati delle ricerche o nelle playlist dei video collegati a quello in visione.

Notizie su: