QR code per la pagina originale

La neve a Roma… vista dal Web e da Facebook

,

Nevica a Roma, un evento non molto frequente per la Capitale, dato che l’ultima volta che il Colosseo, Piazza di Spagna e altri monumenti capitolini si erano rivestiti di un manto bianco, decisamente meno fitto rispetto ad oggi, risale al 2005, esattamente cinque anni fa.

Di certo, la “Città Eterna” rivestita di bianco ha un effetto notevole, tanto da richiamare l’attenzione degli abitanti e di chi potrà dire, vista l’eccezionalità di queste occasioni: “quella volta io c’ero”.

E sono proprio di questo tipo i commenti che si rincorrono sul Web e sui social network in particolare. Su Facebook, tanto per citare il più famoso dei siti social, esistono già alcuni gruppi che raccolgono numerosi iscritti tra quanti commentano contenti l’aspetto di Roma innevata e quanti, magari un po’ più maturi, ricordano nevicate “storiche” come quella del 6 gennaio 1986.

Ma non solo social network protagonisti in questo senso, anche il sito del quotidiano La Repubblica ha, infatti, messo a disposizione la propria casella email alla quale gli utenti potranno mandare le loro foto e i video che ritraggono le strade dell’Urbe innevate in modo da formare una raccolta di contenuti “user generated” da condividere con il resto del Web.

Proprio la parola condivisione forse fa la differenza in questi eventi rispetto al passato. Certo, una nevicata apparirà ai più, soprattutto a chi sta al Nord o in zone di montagna, come un evento tutt’altro che straordinario, ma ciò che vogliamo sottolineare non è tanto la condivisione di un evento atmosferico in sé, quanto la capacità di Internet di travasare le barriere dello spazio anche per eventi di portata più che altro simbolica come questo.

Grazie al Web insomma, anche un piccolo evento che, fino a qualche anno fa, sarebbe stato vissuto esclusivamente da chi si trovava in zona, diventa evento “globale” visibile da tutti in tempo reale. Una cosa che non dovrebbe stupire dato che, come raccontato giorni fa su Webnews, facciamo tutti parte di un unico villaggio, un “villaggio” in cui si condivide tutto e in cui, tavolta, nevica pure.

Notizie su: