QR code per la pagina originale

Applicazioni per il WiFi rimosse dall’App Store

Apple ha rimosso un cospicuo numero di applicativi dall'App Store per il reperimento e l'impostazione delle reti WiFi. La società avrebbe fornito pochi dettagli in merito spiazzando gli sviluppatori che avevano ricevuto il via libera dalla mela morsicata

,

Non sono solamente le applicazioni osé a essere nel mirino di Apple. Stando ad alcune recenti segnalazioni, nel corso degli ultimi giorni la società di Cupertino avrebbe rimosso dall’App Store un cospicuo numero di applicativi concepiti per semplificare il reperimento delle reti WiFi tramite iPhone e iPod Touch. Tali applicazioni avrebbero violato le severe regole imposte da Apple, fornendo agli utenti particolari funzionalità per gestire le impostazioni wireless non previste o fortemente limitate dalle policy della mela morsicata.

La mannaia della società di Cupertino si è abbattuta sul piccolo applicativo WiFi-Where di Three Jacks Software e avrebbe interessato anche una serie di altre applicazioni tra le quali spiccano WifiTrak, WiFiFoFum, yFy Network Finder, WiFi Get, eWifi e WiFi Analyzer apparentemente rimosse dall’App Store nel corso delle ultime ore. Un’operazione di pulizia in piena regola, che ha naturalmente destato le proteste degli autori delle applicazioni, sorpresi dall’intransigenza di Apple e dalla sostanziale mancanza di informazioni sulle reali motivazioni che avrebbero indotto i responsabili della società al nuovo giro di vite sull’App Store.

«Si tratta davvero di qualcosa di frustrante. WifiTrak e WiFiFoFum sono comparsi nell’App Store fin dall’inizio, e per molto tempo nessun’altra applicazione del genere ha fatto la propria comparsa. Ci sono voluti mesi di tentativi e riprove prima che WiFi-Where venisse accettato. A partire dal novembre 2009, abbiamo notato la comparsa di queste nuove applicazioni. Abbiamo considerato ciò come un indizio sulla possibile decisione di Apple di consentire le applicazioni WiFi, e abbiamo avviato una nuova richiesta per WiFi-Where che è stata poi approvata nel mese di gennaio 2010» raccontano i responsabili di Three Jacks Software nel loro spazio online.

A distanza di alcune settimane dall’approvazione, il piccolo applicativo per reperire le reti WiFi disponibili è stato rimosso dall’App Store insieme ad altre applicazioni analoghe. Non potendo distribuire il proprio prodotto attraverso il canale ufficiale, Three Jack Software ha deciso per ora di offrire WiFi-Where agli utenti in possesso di un iPhone o iPod Touch con jailbreak.

Secondo alcuni osservatori, la vicenda dimostra ancora una volta quanto le politiche adottate da Apple per il proprio sistema di distribuzione delle apps siano poco chiare e coerenti, un problema segnalato già in passato dagli sviluppatori e fonte di numerose polemiche. La vicenda WiFi giunge del resto ad alcuni giorni di distanza dalla decisione di Cupertino di porre un freno alle applicazioni osé, apparentemente per rispondere alle proteste giunte da un cospicuo numero di utenti. In pochi giorni la società ha rimosso circa 5mila applicazioni con contenuti espliciti, principalmente legati alla sfera sessuale, senza fornire particolari informazioni sui criteri adottati per rimuovere alcuni applicativi e lasciarne altri nell’App Store.

La scelta dei responsabili di Apple non è stata apprezzata dagli sviluppatori, che hanno ravvisato notevoli disparità di trattamento nella rimozione – ritenuta arbitraria – delle applicazioni osé. Per risolvere alla radice il problema era stata ventilata la possibilità di introdurre una nuova categoria “Explicit” nell’App Store, ma la società di Cupertino sarebbe ritornata rapidamente sui propri passi accantonando per il momento tale opzione. Dopo l’eliminazione di alcune migliaia di applicazioni a luci rosse e di numerosi applicativi per il WiFi, gli sviluppatori si interrogano sulle prossime possibili mosse della mela morsicata. Il clima di incertezza potrebbe rivelarsi controproducente per un sistema che fino a ora ha consentito di distribuire oltre 3 miliardi di applicazioni.

Notizie su: