QR code per la pagina originale

PlayStation Move, la risposta a Wii e Natal

Sony dota la propria console di un simil-Wiimote lanciando sul mercato PlayStation Move, un sensore in grado di gestire l'esperienza di gioco grazie ai movimenti del corpo. Sul mercato il prossimo inverno,

,

Sony ha mostrato l’asso nella manica: PlayStation Move è il tassello mancante per chiudere il gap esistente tra l’azienda e Nintendo, l’arma in grado di offrire alla console di casa quella caratteristica peculiare che ha reso Wii la console più venduta degli ultimi anni. PlayStation Move, infatti, è una appendice aggiuntiva che permetterà al mondo PlayStation di arricchirsi di nuove opportunità e, soprattutto, di un nuovo tipo di esperienza.

Fino ad oggi il marchio PlayStation è stato fermamente ricollegato all’idea del controller, simbolo vero e proprio di quel che la console ha rappresentato dall’esplosione della seconda versione della console fino alla presentazione della terza release. Al tipico controller ora verrà aggiunta una modalità di gioco ulteriore e diversa: PlayStation Move è infatti quel che Wiimote rappresenta per la Wii, ovvero un controller atipico da gestire attraverso i movimenti del corpo. Il dispositivo è in grado di “sentire” movimenti, accelerazioni, inclinazione e tutto quel che localizza nello spazio la mano del giocatore.

Il riassunto del blog europeo della console chiarisce i termini dell’arrivo di PlayStation Move elencando le modalità con cui è possibile lasciarsi coinvolgere:

  • Camera + controller, con in dotazione alcune demo per i giochi pronti al rilascio;
  • Singolo controller per gli utenti che già posseggono PlayStation Eye
  • Bundle pack con PS3, Dualshock3, Move e PlayStation Eye
  • Giochi con incluso il nuovo Move

PlayStation Move significa colpire nell’aria per simulare un ring; significa uno swing simulato per sentirsi Tiger Woods; significa una presa a due mani per impugnare una spada virtuale. La differenza rispetto alla Wii è la possibilità di usufruire di risorse, grafica e titoli migliori, il che permette un approccio similare ma con risultati di maggior pregio. I commenti raccolti dopo le prime prove non sembrano però premiare Move rispetto al rivale Wii: tecnicamente migliorato, il controller non sembra però cambiare in modo eccessivo la qualità dell’esperienza di gioco. Il valore aggiunto, insomma, sarebbe nei giochi e nella console, ma non nello specifico del nuovo dispositivo. Per meglio capire ciò che PlayStation Move può offrire all’esperienza di gioco, però, è necessario vederlo direttamente in azione durante le prime prove offerte in occasione della 2010 Games Developer Conference:

PlayStation Move sarà sul mercato il prossimo inverno per un costo di 100 dollari circa. Il suo arrivo, però, sarà ostacolato da un’altra ingombrante presenza: Project Natal è l’omologo Microsoft del progetto Move, con la forte differenza dell’assenza di un controller da impugnare e delegando l’intero controllo dei movimenti ad una webcam con speciale sensore. Microsoft progetta nuova soluzioni per la Xbox e, al contempo, porterà sul mercato Natal per sfidare da vicino Wii nella prossima corsa alla console di Natale. Wii, Xbox e PS3 partiranno questa volta sullo stesso piano, ognuna con le proprie peculiarità e ognuna con i propri titoli forti.

Notizie su: