QR code per la pagina originale

Microsoft tagga Torino

Le principali attrazioni turistiche di Torino saranno presto tutte taggate per far sì che da cellulare sia possibile avere a disposizione una prima descrizione del luogo, dell'edificio o del museo. Il tutto è possibile grazie alla tecnologia Microsoft Tag

,

Microsoft ha collaborato con la Provincia di Torino per applicare i Microsoft Tag alle principali attrazioni turistiche della città sabauda. L’idea è quella di un “link” che, posizionato nella dimensione reale, permette di aggiungere un layer informativo di cui il turista può far uso. «Il turismo sul web è in continua crescita e, nonostante la crisi mondiale, gode di ottima salute. Sempre di più il turista apprezza il dynamic package ovvero la possibilità di organizzare il proprio viaggio acquistando e combinando i servizi che ritiene adeguati rispetto alle sue necessità. Se raccogliere informazioni sulla destinazione è diventata una consuetudine, farlo attraverso il web un must». Farlo attraverso i tag è diventata invece una opportunità.

Nel momento in cui Microsoft ha presentato la propria tecnologia Microsoft Tag, l’idea era quella di una piccola utopia applicata alle meraviglie del mobile. Il prossimo arrivo di Windows Phone 7, gli investimenti Microsoft nella mobilità ed il forte impegno nei servizi mappali e relativi alla geolocalizzazione, però, hanno donato all’idea originale maggior concretezza. Ora Microsoft può portare in dote anche una prima applicazione nel mondo reale, ed è così che Torino diventa la prima grande città a far leva sui tag per offrire servizi ai cittadini e lustro alla tecnologia.

Spiega il gruppo: «Attraverso piccoli codici colorati, stampati direttamente su cataloghi, pagine pubblicitarie, o applicati su confezioni di prodotti, monumenti e punti di interesse, gli utenti possono ottenere informazioni aggiuntive, promozioni o accedere a ulteriori servizi online dedicati. Per entrare in questo nuovo mondo, basta inquadrare il Tag con la fotocamera del proprio smartphone, dotato di connessione Internet, per ottenere informazioni aggiuntive su prodotti o accedere a servizi informativi. La sofisticata tecnologia di Microsoft Tag, denominata HCCBs (High Capacity Color Barecodes), è stata sviluppata da Microsoft Research. Tecniche avanzate di image-processing decodificano anche i codici out-of-focus attraverso una fotocamera con lenti fixed-focus comuni alla maggior parte dei dispositivi mobili. La tecnologia HCCBs inoltre utilizza differenti simboli inseriti in quadri geometrici e colorati per fornire maggiori informazioni in minore spazio».

Ecco un esempio di tag che andrà a comparire all’ingresso del Museo Egizio:

Microsoft Tag per il Museo Egizio

Microsoft Tag per il Museo Egizio

«Tra i vantaggi offerti da questa tecnologia troviamo l’utilizzo di risorse limitate tipiche delle fotocamere dei cellulari, ma anche un format più piccolo rispetto ai codici QR e maggiore semplicità di scansione. Inoltre, la versatilità dei tag consente ai partner di utilizzarli ed applicarli su qualsiasi tipo di prodotto»: per poter visualizzare i contenuti correlati ai tag è sufficiente installare la versione apposita dell’applicazione per la propria piattaforma mobile. Le varie versioni sono disponibili sul sito GetTag.mobi (Microsoft ha immediatamente messo a disposizione installer per Windows Mobile, iPhone, Android, Symbian, Blackberry e quanti altri).

Museo Egizio, Museo del Cinema, Duomo, Teatro Carignano, Palazzo Madama e quant’altro: tutto taggato, tutto disponibile a portata di cellulare con fotocamera integrata. «Non stupitevi quindi se nel vostro girovagare in città da oggi, la vostra attenzione sarà catturata da una piastrella colorata posizionata sulla pavimentazione davanti a diverse attrattive turistiche cittadine. Soffermatevi a guardarla: un oggetto grafico, una sorta di simbolo criptato personalizzato, un “tag” appunto, vi permetterà di entrare in tempo reale in un mondo sino ad allora sconosciuto, ricco di informazioni e approfondimenti. Con un semplice scatto sarete trasposti dalla vita reale nel mondo virtuale del web di Turismo Torino e Provincia con l’apertura di una pagina dedicata al tag fotografato. In una seconda fase, il tag potrà nascondere ulteriori informazioni, ovvero approfondimenti in formato testuale, video o MP3, viste in formato VRML3D o accessi ad aree riservate».

Notizie su: