QR code per la pagina originale

Il presidente del Venezuela Hugo Chavez vuole nuove regole per il Web

,

Dopo le recenti vicende che hanno coinvolto il governo del Venezuela e il Web, in base a quanto avvenuto su un blog che riportava alcune indiscrezioni su un presunto, ma falso, omicidio di uno dei Ministri locali, era piuttosto intuibile che si potesse iniziasse a parlare di nuove leggi e regole per limitare, in quel Paese, l’informazione e la libertà di espressione su Internet.

Infatti, non si è dovuto attendere molto: il presidente del Venezuela, Hugo Chavez, potrebbe presto decidere di monitorare, bloccare e agire per vie legali contro i siti che violano le dure leggi venezuelane.

A suo parere, infatti, questi siti sarebbero utilizzati per organizzare colpi di stato:

Dobbiamo agire. Chiederemo aiuto al procuratore generale, perché questo è un reato. Ho informazioni che questa pagina periodicamente pubblica articoli che invocano un colpo di stato. Questo non può essere permesso.

Potrebbero essere Twitter e Facebook, nel particolare, le piattaforme destinate a subire forti limitazioni circa la libertà di espressione, in quanto anche in Venezuela, come in tutto il mondo, sono i due social più frequentati e utilizzati, tra l’altro, anche per le propagande politiche dell’opposizione.

In ogni caso, è probabile che emergano presto informazioni sui possibili provvedimenti a tal proposito: i social network, in Venezuela, rischiano di subire lo stesso trattamento ricevuto in paesi quali la Cina e l’Iran.

Notizie su: