QR code per la pagina originale

Olibook: Olivetti torna nel settore dei computer

,

Olivetti ritorna nel mondo dei computer grazie ai nuovi Olibook. La notizia farà piacere a moltissimi italiani che ricordano con nostalgia i bei tempi andati, quando Olivetti era pioniera nel settore delle nuove tecnologie.

L’azienda di Ivrea ha presentato ieri la nuova gamma di computer portatili denominati Olibook, composta momentaneamente da quattro modelli ai quali se ne aggiungeranno altri in futuro.

L’intenzione di Olivetti non è però quella di offrire esclusivamente una serie di prodotti hardware, il gruppo mira ad offrire un insieme di servizi integrati comprendenti anche particolari soluzioni software legate alla sicurezza di aziende e privati, per cui i notebook e netbook della gamma saranno solamente un tassello dell’offerta.

Il modello di riferimento è Apple, anche se Olivetti ha intenzione di raccogliere la propria offerta in maniera sostanzialmente diversa e di portarla agli utenti in maniera più personale e diversificata in base alle diverse esigenze, come dice l’amministratore delegato Patrizia Grieco:

Non vogliamo combatterei sui volumi ma vogliamo portare nel settore business la stessa esplosione che ha comportato l’arrivo dell’App Store di Apple nel settore consumer. Però utilizzando un modello differente. I nostri computer sono la porta di ingresso verso applicazioni e servizi.

I prodotti che saranno in commercio da aprile sono un netbook chiamato M1025 con schermo da 10 pollici e tre notebook tra cui l’S1300, orientato all’utenza business con display da 13 pollici, l’S1500 rivolto al mercato consumer con display da 15,6 pollici e l’S1550 con processore Core i5 e grafica nVidia adatto all’ambito aziendale.

Per tutti i nuovi Olibook ci saranno processori Intel e sistema operativo Windows 7, mentre i prezzi si posizioneranno in una fascia che tra 300 e 800 euro.

Infine, Olivetti ha comunicato di avere in programma l’arrivo di un tablet PC multitouch e privo di tastiera, un prodotto che dovrebbe arrivare nella seconda metà del 2010.

Notizie su: