QR code per la pagina originale

Intel: obiettivo 32 nm

,

Intel avrebbe intenzione di aumentare la produzione dei processori a 32 nm e di incrementarla fino al 27% del processo produttivo globale entro la fine del 2010.

Diminuiranno, così, le produzioni dei processori a 65 nm e a 45 nm.

Nel primo trimestre del 2010 l’Intel ha prodotto:

  • l’87% di processori a 45 nm;
  • il 10% di processori a 32 nm;
  • il 3 % di processori a 65 nm.

A detta del sito Fudzilla, Intel ha intenzione di incrementare la produzione dei processori a 32 nm grazie alla imminente introduzione sul mercato delle CPU basate su architettura Sandy Bridge.

Queste sono le previsioni per il prossimo trimestre:

  • riduzione della produzione dei processori a 45 nm fino all’83%;
  • riduzione della produzione dei processori a 65 nm fino al 2%;
  • aumento della produzione dei processori a 32 nm fino al 16%.

Nel terzo trimestre, e quindi entro fine 2010, è prevista la riduzione della produzione delle CPU a 65 e a 45 nm a favore di un incremento della produzione dei core a 32 nm che arriverà a toccare quota 27%.

Per il 2011 verrà, molto probabilmente, interrotta la produzione di processori a 65 nm e diminuito il numero di CPU a 45 nm, così da permettere un notevole aumento della produzione di processori basati sul nuovo processo produttivo a 32 nm. Il futuro del mercato CPU è più che mai presente.

Notizie su: