QR code per la pagina originale

Windows 7 e riavvi del computer fastidiosi

,

Molti si saranno trovati di fronte a svariati comportamenti anomali del proprio computer. Tra le numerose problematiche che possono affliggere i nostri PC c’è anche quella dei ripetuti riavvi del sistema, in particolare dopo aver installato un nuovo sistema operativo o dopo un aggiornamento. È quello che accade, con schede madri non troppo recenti, aggiornando il nostro sitema e passando a Windows 7.

I riavvi random dei computer sono sicuramente i comportamenti più complessi da valutare. La problematica maggiore risiede nella difficoltà di distinguere se la natura del problema è hardware o software. Spesso infatti ci si trova, dopo un aggiornamento del sistema operativo o di un componente o addirittura di un programma, ad avere tra le mani un sistema inspiegabilmente instabile.

In particolare l’aggiornamento del sistema operativo in schede madri non troppo recenti provoca, alcune volte, l’insorgere di problemi di compatibilità con i componenti di gestione dell’alimentazione, implementati nel sistema stesso, che non riescono ad interfacciarsi correttamente con la nostra scheda madre. Quindi esclusi eventuali problemi hardware ad esempio legati alla RAM, all’hard disk, alla scheda madre e all’alimentatore (meno probabile è che il problema sia legato alla CPU), esclusi conflitti con eventuali dispositivi esterni e con i driver associati a questi, ed escluse le problematiche relative alla non compatibilità di un programma specifico con il nostro sistema, le soluzioni applicabili per cercare di stabilizzare il comportamento del computer sono, in ordine:

  • ricercare eventuali patch fornite dal produttore della nostra scheda madre per supportare al meglio il nuovo sistema operativo;
  • aggiornamento dei driver in particolare del driver ACPI;
  • aggiornamento del bios.

Qualora non si riscontrasse alcun problema hardware e nessun giovamento dalle soluzioni appena esposte il consiglio è quello ripristinare l’ultima configurazione funzionante, nonostante questo significhi, magari, dover ritornare ad utilizzare, ad esempio nel nostro caso specifico, Windows Vista o addirittura Xp, in attesa magari che il produttore metta a disposizione una soluzione efficace per queste problematiche.

Sperando che questi consigli possano risultarvi utili vi invitiamo a farci presente, attraverso i commenti, le vostre problematiche hardware che quotidianamente vi trovate ad affrontare. Quelle che risulteranno più numerose e interessanti verranno trattate in un post specifico così da proporre una soluzione dettagliata per il problema proposto.

Notizie su: