QR code per la pagina originale

Sequestro di Linkstreaming: parla uno dei gestori

,

Al sequestro di Linkstreaming da parte della Guardia di Finanza di Cagliari sono susseguite numerose reazioni sul web. In particolare, la fanpage Facebook dedicata al portale ha visto triplicare le richieste di informazioni da parte di tutti gli utenti rimasti orfani del servizio. Di poche ore fa, alcune dichiarazioni di uno dei gestori del sito, apparse su una pagina di redirect dalla homepage di Linkstreaming.

Fino a ieri sera Linkstreaming è rimasto irraggiungibile per gran parte degli utenti italiani. E in rete si sono moltiplicate le più svariate ipotesi: la più gettonata imputerebbe una grave responsabilità ai gestori, i quali non si sarebbero limitati a fornire link ma avrebbero attivamente partecipato all’upload di film e telefilm. Da poche ore, tuttavia, la homepage rimanda al sito Nata100, un blog costruito da uno dei gestori di Linkstreaming dove viene dichiarata l’imminente riapertura del portale:

Voglio ricordare che il sito linkstreaming.com ha server esteri , in svezia precisamente . Un grande co****ne ha dato le password del sito alla finanza quindi il problema mi sembra visibile a tutti. Il sito ritornera presto online per tutti i film o seritv se posso aggiorno questo blog

Voglio precisare ancora una volta che io non mollo, possono mollare le persone che mi aiutano ma io nata100 non mollo /////// quindi essendo in italia paese di m***a ,puo anche essere che tra un po finisca in carcere , ma come ben sanno mi fanno solo un favore appena esco saro piu forte di prima.

Ricordade LinkStreaming.com /// stop gli altri sanno solo copiare i link

Leggendo questo messaggio, ci si chiede come sia stato possibile bypassare i sigilli della Guardia di Finanza, così come il blocco via DNS, e implementare un redirect al blog del gestore. Si tratta, infatti, di un’azione inusuale, dato che solitamente le autorità prendono pieno controllo dei siti sequestrati impedendo ai proprietari di attuare ulteriori modifiche.

Dubbi sulla gestione del sequestro a parte, non ci resta che attendere i futuri sviluppi della vicenda per verificare se, come affermato, Linkstreaming potrà davvero tornare attivo.

Notizie su: