QR code per la pagina originale

Xenoblade: icone speciali indicheranno gli stati d’animo di mostri e personaggi

Rivelati gustosi dettagli sul sistema di combattimento in Xenoblade

,

Rivelati numerosi dettagli sul sistema di combattimento in Xenoblade: il nuovo RPG Nintendo, secondo quanto spiegato dal sito 1up.com, dimostrerà di essere una tipica produzione firmata Tetsuya Takahashi, pur offrendo un approccio maggiormente orientato al modello dei giochi di azione.

Ogni volta che ci si imbatterà in un nemico, avrà inizio lo scontro vero e proprio: prima della battaglia sarà possibile puntare l’avversario per scoprirne tutte le caratteristiche salienti, e un’apposita finestra ne mostrerà HP, livello e altre informazioni.

Per stabilirne la pericolosità, si potrà ricorrere a un sistema di colori: nero per gli avversari più semplici, rispetto alla potenza del party. Rosso, invece, per quelli veramente pericolosi.

Durante il combattimento si potrà controllare un singolo personaggio, mentre degli altri si occuperà l’IA del gioco, rispondendo a un semplice sistema di assegnazione di ordini.

Si potranno alternare attacchi di base e tecniche speciali, o Arti: ogni membro della squadra potrà avere fino a un massimo di Arti selezionate in una particolare “battle palette“, ovvero un set di icone in fondo allo schermo, utili a controllare la meccanica di gioco.

In alto a sinistra apparirà un “party gauge” che si riempirà man mano che si danneggeranno i nemici con colpi critici: quando la barra sarà completa, l’intero gruppo potrà lanciare un attacco a catena che provocherà danni speciali e fornirà al contempo bonus di varia natura.

La barra servirà anche a guarire i personaggi caduti in battaglia: se quello sotto il controllo del giocatore dovesse essere sconfitto, lo scontro avrà automaticamente termine.

I mostri e gli eroi saranno dotati anche di un paio di speciali parametri: uno di essi indicherà i sentimenti di odio della creatura nei confronti di ogni membro della squadra. Al suo aumentare, il mostro comincerà ad attaccare solo il personaggio che reputa maggiormente antipatico. Tale personaggio sarà indicato da un anello colorato, che lo rivelerà come la vittima predestinata della creatura.

Gli eori, invece, saranno caratterizzati da un parametro definito “tensione“: i suoi effetti visivi si manifesteranno nell’icona del volto di ogni personaggio, e dipenderanno dall’andamento della battaglia di volta in volta.

Notizie su: