QR code per la pagina originale

Flock abbandona Firefox e sposa Chrome

Flock giunge alla nuova beta del nuovo corso. Il browser abbandona definitivamente la base Firefox per appoggiarsi al codice Chrome, attorno al quale costruisce il proprio peculiare approccio social alla navigazione fatto di velocità e condivisioni

,

Flock, uno dei browser che il Choice Screen europeo nasconde nella seconda parte della schermata dedicata ai maggiori browser installabili su Windows, giunge ad uno snodo cruciale della propria parabola. Il browser, infatti, abbandona definitivamente le proprie origini Mozilla per approdare sulla nuova base Chromium.

L’anima di Flock è quella di un browser profondamente radicato attorno ai social network. Il DNA non cambia: Flock rimane il browser che più di ogni altro cerca nel “social” il proprio valore aggiunto, ma per fare ciò il vecchio codice è stato abbandonato per preferire il Webkit e lo stile su cui si basa il browser di Google. La scelta, spiega il gruppo, è basata sulle potenzialità dell’architettura, sull’eleganza del codice e sull’incredibile velocità di Chromium: Flock, che basa la propria attività su un approccio semplice e lineare con il Web per lasciar spazio alle interazioni tra gli utenti, porta quindi avanti una scelta di campo logica e ben argomentata, virando decisamente verso Mountain View e cercando in questa scelta nuova linfa per proporsi al grande pubblico.

Flock spiega di voler abbandonare Firefox perchè, costruito attorno al vecchio nucleo Netscape, a differenza di Chrome non è progettato su «web di oggi». Si garantisce supporto per la sicurezza delle vecchie versioni, ma ogni risorsa è ora improntata alla nuova beta ed al nuovo percorso.

Flock è disponibile per XP, Windows Vista e Windows 7 in beta release. Il browser consente di navigare e, al contempo, di seguire la propria dimensione social tramite gli aggiornamenti ottenuti da Facebook, Twitter, Yahoo e YouTube (i cui account sono automaticamente sincronizzati con l’account principale di Flock, ed i cui riferimenti possono essere automaticamente importati da Chrome in fase di installazione). Tramite Flock è possibile aggiornare il proprio messaggio di stato, commentare messaggi altrui, condividere le pagine su cui si sta navigando e rendere quanto più fluida e continua la presenza dell’utente sui social network di riferimento.

Flock è un browser diverso che si ispira ad un principio nuovo e punta ad una community particolarmente attiva. Classificato come il sesto browser più usato in Europa (dati Net Application), il software si autocertifica come il client numero uno per l’aggiornamento di Facebook da desktop (8 milioni di client installati). La nuova beta è una nuova scintilla e rappresenterà l’occasione per far conoscere il browser più da vicino ad una nuova moltitudine di utenti curiosi verso ciò che anche una piccola produzione può saper offrire.