QR code per la pagina originale

In Dead Rising 2 un eroe in stile occidentale e salvataggi multipli

Keiji Inafune rivela a joystiq dettagli sul gameplay di Dead Rising 2

,

Keiji Inafune, Global Head of Production di Capcom, ha risposto a numerose domande inerenti Dead Rising 2, al sito Joystiq.

Dalle sue affermazioni sono emersi diversi elementi di interesse sul gameplay di questo sequel: tra le prime dichiarazioni di nota, va segnalato il fatto che il gioco offra un maggior numero di slot di salvataggio rispetto al primo capitolo della serie. Ciò permetterà di salvare più volte per garantirsi sempre una seconda opportunità, nel caso in cui non si sia certi della direzione nella quale si vuole andare.

Mancheranno, invece, opzioni per l’auto saving delle partite: l’aumentato numero di slot dovrebbe, da solo, assicurare una miglior ricezione da parte del pubblico, senza per questo scontentare chi apprezzava l’orginale sistema di salvataggio.

Il gioco, prosegue Inafune, manterrà inoltre il sistema del ciclo di tre giorni che si ripete di continuo: la trama in 72 ore rimarrà dunque la stessa del precedente episodio. Al contrario, sarà assente la figura di Frank West, sostituito da un personaggio più adatto al mercato occidentale. In un primo momento, addirittura, la richiesta da parte di Inafune sarebbe stata quella di prendere Frank e renderlo brutto e grasso

Dopo vari tentativi si sarebbe così giunti a Chuck, un eroe che lotta per salvare le persone che ama e che, al tempo stesso, riesce a portare la storia in una direzione differente rispetto a quanto avvenuto in precedenza, allontanandosi anche dallo stereotipo tipicamente giapponese del protagonista giovane e di bell’aspetto.

A fianco di Chuck si troverà Stacy, un personaggio femminile a lui vicino, il cui ruolo sarà quello di fornire informazioni ogni volta che ci si rivolgerà a lei.

Oltre a questo, assicura il rappresentante di Capcom, Dead Rising 2 apparirà come un titolo maggiormente bilanciato, anche se un supporto online, che si tratti di aiuti via internet o di altri giocatori in co-op, potrebbe risultare a sua volta utile per far fronte ad alcune situazioni particolarmente ostiche, in modo non troppo dissimile dal primo gioco.

Notizie su: