QR code per la pagina originale

Richiamo degli iPhone 4 difettosi? La stampa crede a un falso Steve Jobs

,

iPhone 4 è apparso sugli scaffali dei negozi da pochi giorni, sebbene in Italia non se ne preveda l’arrivo almeno fino alla metà di luglio, ma gli utenti non sembrano essere particolarmente soddisfatti. Tra i problemi di ricezione del segnale e le macchie a schermo, sul Web impazza la polemica sulle qualità mancanti del nuovo melafonino.

Apple, tuttavia, non sembra riconoscere questi supposti difetti e, come prevedibile, non richiamerà alcun modello per la sostituzione. A quanto pare, tutte le problematiche saranno risolvibili tramite un aggiornamento software.

Qualche giorno fa la rete è stata sommersa da un insistente rumor del DailyMail, prontamente rimosso dal sito: Steve Jobs, dal proprio profilo Twitter, si sarebbe detto pronto a ritirare dal mercato iPhone 4. Quasi tutti gli organi di stampa, di conseguenza, hanno rilanciato in pompa magna la notizia. Peccato, però, che le dichiarazioni di Twitter siano state rilasciate da un falso Steve Jobs, così come riportato in bella mostra dall’account del noto sito di microblogging:

Naturalmente questo è un account parodia.

Nessun richiamo di iPhone 4, perciò, è previsto ufficialmente da Cupertino e, come se non bastasse, vi sarebbero altri segnali sull’imminente risoluzione dei malfunzionamenti del melafonino. Per quanto riguarda le macchie a schermo, vi avevamo già anticipato di come fosse un problema momentaneo. Dopo pochi giorni di utilizzo, infatti, il collante del vetro evapora, eliminando così i fastidiosi aloni. Per la ricezione del segnale, dovuta ad un errata impugnatura del dispositivo, pare invece il tutto sarà risolvibile con un aggiornamento del firmware.

Steve Jobs in persona, infatti, avrebbe risposto alle mail di protesta con un laconico:

Non ci sono problemi di ricezione. Rimanete sintonizzati.

Un affermazione che, ovviamente, escluderebbe difetti hardware, lasciando così presagire l’arrivo di una nuova versione risolutiva di iOS.

Notizie su: