QR code per la pagina originale

iPhone 4, in Italia costerà 659 euro

659 euro per la versione da 16GB, 779 euro per la versione da 32GB. TIM potrebbe proporre abbonamenti da 29, 49 e 69 euro mensili, mentre 3 promette semplicemente tariffe "concorrenziali". Così l'iPhone 4 fa capolino in Italia: l'esordio è ormai vicino

,

Manca l’ufficialità, ma il trapelare delle prime informazioni sta ormai preparando il terreno a quello che sarà lo sbarco ufficiale: l’iPhone 4 sta per iniziare la propria avventura italiana (l’ora X scatterà il 30 Luglio) ed i rumor fanno capolino online avanzando le prime ipotesi circa quello che sarà il prezzo nel nostro paese. Diventa così possibile tracciare quello che potrebbe essere il percorso del telefono in Italia dopo che negli Stati Uniti gli ostacoli ne hanno caratterizzato l’esodio e la vendita (comunque da record) nelle prime settimane negli Apple Store.

Anzitutto, come spiegato da Webnews.it sulla base delle notizie emerse in queste ore, «Per quanto riguarda l’acquisto senza contratto si conferma quanto accaduto con l’iPhone 3GS». Ovvero, in caso di acquisto senza contratto, «il prezzo […] sarà superiore, di 20 euro, a quello che con ogni probabilità praticheranno gli Apple Store, e sarà equivalente a 659 euro per la versione da 16 GB e 779 euro per la versione da 32 GB».

Smentite, invece, le ipotesi relative ai prezzi sotto abbonamento che portavano l’ammontare del telefonino ad oltre 2100 euro biennali comprensivi dell’abbonamento. Se qualcuno ipotizzava una quota da 90 euro mensili, infatti, ora i rumor sembrano invece assestarsi attorno a pacchetti quali Tutto Compreso 500, 1000 e 1500 (costo mensile da 29, 49 e 69 euro). Ignoto invece il prezzo di acquisto del telefonino sotto abbonamento (cifra da integrarsi alla quota mensile ripetuta per le 24 mensilità del contratto).
Da alcune ore Tre Italia sta inoltre spingendo forte sulla comunicazione per presentare la propria offerta come la migliore tanto per quanto concernente la connettività, quanto in relazione al prezzo di accesso allo smartphone Apple. L’unico ostacolo che si frappone ai carrier è identificabile negli strascichi dell’Antennagate e nel possibile raffreddamento della domanda in Italia dopo che i problemi di ricezione del telefono sono stati sviscerati dai media ed ammessi dallo stesso Steve Jobs.

AltroConsumo ha già lasciato intendere di essere sul piede di guerra: se l’iPhone sbarcherà in Italia con tanto di falla all’antenna, l’iniziativa legale sarà immediata e finalizzata al blocco della commercializzazione. Apple, nel frattempo, ha rinviato per l’ennesima volta il rilascio della versione bianca del telefono e tutto ciò, nonostante venga ufficialmente correlato ai ritardi nel reperimento delle sostanze utili per la colorazione della scocca, potrebbe invece strettamente avere a che fare proprio con i problemi hardware incrociati dal dispositivo dopo il rilascio sul mercato USA.

Notizie su: