QR code per la pagina originale

StarCraft II rilancia il settore videoludico

Tra eventi grandiosi e buone stime di vendita, StarCraft II rilancia il settore

,

Dopo l’esplosivo lancio di mezzanotte in tutte le maggiori città del mondo, StarCraft II: Wings of Liberty si prepara a diventare il campione d’incassi di sempre.

A distanza di dodici anni dall’uscita del primo capitolo, che riuscì a vendere ben 11 milioni di copie in tutto il mondo, Blizzard rilascia finalmente la prima delle tre parti di StarCraft II, con sottotitolo Wings of Liberty: il capitolo riguardante le vicende dei Terran in seguito alla rivolta di Mengsk.

Mentre qualcuno indaga sulla scienza del gioco, verosimile, analisti del settore stimano che il gioco, il cui sviluppo non ha nulla da invidiare ai costi dei più dei dispendiosi Red Dead Redemption e Grand Theft Auto IV, riuscirà a raggiungere oltre i 5 milioni di copie vendute entro la fine del 2010.

Se si tiene conto delle vendite del primo StarCraft, dell’hype generato attorno a questo nuovo capitolo, del milione di preorder del gioco superato e del numero di utenti già sottoscritti ai servizi di gioco di Blizzard (oltre 11 milioni di giocatori solo World of Warcraft), è facile capire come le stime fatte siano forse troppo tirate; StarCraft II: Wings of Liberty potrebbe di fatto diventare il gioco più venduto della storia.

Dall’altra parte alcune carenze come l’impossibilità di giocare in LAN non aiutano certo la casa ad andare in questa direzione.

Per riuscire a doppiare, o meglio a triplare, questo possibile risultato con gli altri due capitoli di StarCraft II, Blizzard dovrà tenere duro e dimostrarsi in grado di gestire al meglio tutti i problemi riportati dalla community, continuare a bilanciare il gioco e aggiungere contenuti aggiuntivi.

Alla luce di questo, secondo Sebastian Colin di Lazard Capital Markets, StarCraft II potrebbe rilanciare il mercato retail dei videogiochi, negli utlimi tempi in declino, e portare nuova prosperità al settore. Ma lo si saprà solo una volta rivelati i dati di vendita del gioco.

Non resta che attendere i report finanziari di settembre e gennaio 2011 per vedere se effettivamente questo accadrà.

Notizie su: