QR code per la pagina originale

“R.I.P. iPhone”: Microsoft porta il melafonino al camposanto, filmando il tutto via Android

,

Peccando di sicura presunzione, negli scorsi giorni Microsoft ha voluto organizzare un evento particolare, il funerale di iPhone. Addetti di Redmond vestiti a lutto, figuranti pagati per piangere e festeggiamenti: così Microsoft ha voluto accompagnare il feretro di iPhone al camposanto.

E, quasi a rimarcare il cattivo rapporto tra Redmond e l’originalità, Microsoft ha ben pensato di riproporre “Thriller” di Michael Jackson, con tanto di zombie. “Fiori per la primavera? Avanguardia pura!” direbbe Miranda Priestley, la celebre editor malvagia de “Il diavolo veste Prada”.

L’occasione di questo corteo funebre è derivata dal lancio di Windows Phone 7, il nuovo sistema operativo per dispositivi mobile dichiarato dagli appassionati di Microsoft come il nuovo iPhone Killer. Esattamente come Zune, il tanto sbandierato iPod Killer, cui destino ha riservato solamente il suicidio. Sarà forse per questo che i dipendenti Microsoft hanno ripreso tutto l’evento avvalendosi di dispositivi Android, quali gli EVO 4G?

Tralasciando i toni scherzosi, vale la pena chiedersi se effettivamente Windows Phone 7 sarà in grado di intaccare il predominio di iPhone nel mondo mobile. Secondo Kevin Turner, COO di Microsoft, iPhone 4 è nato sotto una cattiva stella e, per questo, è tempo per le aziende concorrenti di approfittarne:

Sembra che iPhone 4 sarà quello che Vista è stato per noi, e la cosa mi va decisamente bene.

In realtà, le polemiche su iPhone 4 si sono rapidamente sgonfiate con la diffusione del prodotto: il difetto di ricezione, infatti, non sembra aver causato grossi problemi, se non agli allarmisti della prima ora sui vari social network. Il nuovo melafonino, infatti, non conosce alcun freno nelle vendite, lo stesso vale per la crescita costante di App Store. Microsoft riuscirà a fare altrettanto? Non vorremmo trovarci ancora una volta a seppellire, e non solo metaforicamente, un loro prodotto.

Notizie su: