QR code per la pagina originale

Presentata YouView, la nuova piattaforma Web TV del Regno Unito

,

Il progetto che finora era conosciuto con il nome di “Canvas” prende finalmente vita, anche se sotto un altro nome. La nuova piattaforma Web TV voluta dalle principali emittenti televisive free to air britanniche, BBC, ITV, Channel 4 e cinque provider di telecomunicazioni tra cui British Telecom e TalkTalk, si chiamerà infatti YouView e manterrà sostanzialmente inalterato lo spirito del progetto Canvas attorno alla quale è nata.

L’idea è quella di distribuire via Web e gratis, quindi senza alcuna necessità di abbonarsi, un’offerta televisiva di qualità comprensiva dei migliori contenuti diffusi per mezzo dei canali tradizionali dalle emittenti che fanno parte del consorzio, sfruttando inoltre tutte le possibilità date da Internet nella diffusione di contenuti audiovisivi, come la possibilità di accedere ai contenuti on-demand.

Secondo quanto si è appreso finora, YouView offrirà agli spettatori anche l’accesso a siti come YouTube e Flickr, nonché la possibilità di noleggiare in streaming film e altri contenuti da siti di terze parti.

L’arrivo della nuova offerta segna forse un punto di svolta per quanto riguarda la televisione diffusa via Internet, anche in funzione dell’interesse mostrato di recente da Google, che sta per lanciare la sua Google TV negli Stati Uniti, e da Apple, che fa leva sulla collaborazione con importanti nomi dell’industria degli apparecchi televisivi per estendere al massimo la diffusione della rinnovata Apple TV.

Rimane invece ferma al palo l’Italia, con un mercato ancora legato a logiche proprie dei tempi dell’analogico e per questo poco propenso ad aprirsi alle enormi possibilità della Web TV. Nel nostro Paese restano al momento isolati i tentativi di mettere in piedi una buona offerta da parte della Rai, Mediaset e di La7, che hanno tentato di portare sul Web una parte dei loro contenuti senza però sdoganare veramente un simile tipo di fruizione televisiva, rimasta quindi ancora un’offerta di nicchia e lontana dalle abitudini dei telespettatori.

Notizie su: