QR code per la pagina originale

Facebook: pronta la sfida a PayPal?

,

Con 500 milioni di utenti al seguito, Facebook rappresenta un business dal potenziale immenso, che nel prossimo futuro potrebbe espandere il proprio raggio d’azione ben oltre le bacheche dei suoi iscritti, raggiungendo ambiti oggigiorno monopolizzati da altre realtà. Uno di questi è quello dei pagamenti online, con PayPal costretta a doversi difendere dall’avanzata del social network di Mark Zuckerberg.

Facebook, già da tempo, ha introdotto una moneta virtuale chiamata Credits per le piccole spese all’interno di alcune applicazioni. Il sistema è di recente stato adottato da tutti i giochi gestiti da Zynga (FarmVille e Mafia Wars su tutti), portando così gli utenti a versare denaro reale in cambio di crediti spendibili per l’acquisto di extra ingame. Per capire il volume d’affari mosso da questo tipo di operazioni, basta citare l’incasso previsto da Zynga per il 2010, pari a 500 milioni di dollari. Nelle casse del social network finirebbe il 30% di quanto versato dagli utenti.

Nelle sue più recenti dichiarazioni in merito, Zuckerberg ha commentato l’introduzione dei Credits come una mossa pensata esclusivamente per favorire la crescita delle transizioni online, ma nei piani dell’azienda ci sarebbe ben altro. Secondo il New York Times, la formula potrebbe presto essere applicata anche alla vendita di contenuti multimediali come musica e video, ponendo così Facebook in diretta competizione con realtà come PayPal, Google e Amazon. Un’ipotesi tutt’altro che infondata, considerando che al progetto stanno lavorando alcuni degli ingegneri informatici in passato proprio alle dipendenze di PayPal.

Notizie su: ,