QR code per la pagina originale

TwtRoulette, per vedere Twitter con gli occhi di qualcun altro

,

C’è una nuova roulette in giro per il Web. Non per chattare, ma per seguire i timeline di profili Twitter famosi e di persone di cui non siamo follower. Questo è il concetto base di TwtRoulette, un’altra invenzione di una nostra vecchia conoscenza: Stephen Ou, il geniale 15enne inventore di iTunes Instant.

Come racconta TechCrunch, grazie al contributo di Shervin Pishevar, sviluppatore di videogames e investitore che ha creato incubator.co, una start up per finanziare idee di giovani promettenti del Web, il geniaccio californiano ha potuto ispirarsi a Chatroulette creando però qualcosa di piuttosto utile, perché nasce con l’intento di aumentare le possibilità di conoscenza attraverso il microblogging.

Vedere Twitter con gli occhi di qualcun altro è una esperienza interessante, soprattutto se gli account sono quelli di personaggi importanti, come l’industriale Mike Arrington,o Hunter Walk di YouTube. E poi si trovano giornalisti, esperti del settore, guru del Web.

Il sistema prevede che ci si possa inserire volontariamente nella directory, e, come in chatroulette, c’è una funzione random per navigare causalmente attraverso i profili senza meta.

In realtà Twitter aveva una funzione simile (WithFriends), che ebbe scarsa fortuna. Sembra però che molti utenti ora reclamino questa possibilità. Così è arrivato questo sito a proporre il servizio, che “sbircia” nel mondo Twitter degli altri con l’effetto di calarcisi dentro.

È tutto molto semplice. Basta entrare nel sito, iscriversi se si vuole, andare nella pagina delle directory e cominciare a seguire. Un bottone, “more”, permette di tornare indietro ai tweet meno recenti.

Ad ogni account corrispondono una immagine, l’indirizzo di un sito personale, il numero di chi segue e di coloro da cui è seguito.

C’è una differenza infatti tra vedere ciò che un nostro amico, o qualcuno che seguiamo, condivide, e vedere invece tutto ciò che segue. Nel primo caso, si tratta di una piccola percentuale. Nel secondo, tutto ciò che fa e conosce attraverso il microblogging e la sua timeline si apre ai nostri occhi.

Notizie su: