QR code per la pagina originale

Ipotesi iMac touch, dai 20 pollici in su

Tornano in auge i rumor relativi alla possibile integrazione di schermi touchscreen per la futura generazione della famiglia iMac

,

Se n’era parlato a gennaio, in occasione dei primi rumor diffusi in Rete su un’ipotetica nuova linea di iMac dotati di schermi touchscreen. La questione cadde poi nel dimenticatoio e, con il passare dei mesi, la possibilità di veder esordire dispositivi di questo tipo (da più parti etichettati come iMac touch) si è fatta sempre più flebile. Dalle pagine del quotidiano taiwanese DigiTimes giungono però ora nuove indiscrezioni in merito, secondo le quali Apple non avrebbe abbandonato l’idea di realizzare soluzioni desktop all-in-one con interfaccia touch, dando il via nei giorni scorsi ai test sui primi prototipi.

Tutto è partito questa volta da una fonte vicina a Sintek Photronics, che vorrebbe l’azienda in lizza per diventare il fornitore di pannelli sensibili al tocco con dimensioni a partire da 20 pollici, tecnologia capacitiva e dotati di un ampio angolo di visualizzazione. Altro particolare trapelato riguarda il metodo costruttivo degli schermi, che al posto di adottare la superficie con sensori touchscreen ricoperta da un vetro, riunirebbe le due componenti in un solo strato, andando così a rendere il monitor sensibilmente più sottile e leggero.

Alcuni brevetti depositati da Cupertino sembrano delineare un iMac con perno rotante, in grado di inclinare lo schermo per facilitare la postura dell’utente in fase di digitazione. Così facendo lo schermo potrebbe avere duplice utilità: come semplice periferica output, o come device all-in-one in grado di raccogliere anche gli input “touch”.

Come si può facilmente immaginare, da Cupertino non giungono per il momento né conferme né smentite sulla notizia, ma un interessamento di Apple verso soluzioni di questo tipo sembra tutt’altro che da escludere a priori. Qualora il rumor dovesse trovare riscontro nella realtà, la nuova linea di iMac potrebbe essere presentata già nei primi mesi del 2011.

Notizie su: